San Marino all’attacco: inaccettabile l’aggressione della Gdf, Torre d’Avorio

Il governo di San Marino ha emesso oggi un comunicato dal quale traspare  ancora una volta la irritazione  per l’attacco alla Repubblica della Guardia di Finanza  proveniente da Forli. Si ha l’impressione che Roma aspetti che l’operazione si concluda prima di  fissare un incontro politico.

Operazione della Guardia di Finanza: il Congresso di Stato ribadisce ulteriormente la necessità del confronto politico rispetto ad un’azione ingiustificatamente discriminatoria nei confronti di San Marino.
(…) Il Congresso di Stato ribadisce, anche alla luce di nuovi elementi acquisiti, che l’operazione della GdF presenta caratteristiche inaccettabili, trattandosi di operazioni massicce ed indistinte basate sull’acquisizione di tutti i flussi finanziari da e per la Repubblica di San Marino, al di fuori delle regole internazionali per le relazioni e la collaborazione fra Stati, tanto da far ritenere  l’operazione illegittima in quanto assimilabile per caratteristiche ad una “fishing expedition”, pratica notoriamente non consentita dall’OCSE.
(…) Pertanto, pur riconoscendo la disponibilità di confronto sul piano tecnico già offerta dall’Italia, il Congresso di Stato ritiene indispensabile giungere in tempi brevissimi ad un chiarimento politico con il Governo italiano, dato che la vicenda costituisce un tassello sostanziale delle relazioni bilaterali. (…)
Leggi l’intero comunicato del Congresso di Stato. Leggi anche il comunicato del 29 marzo scorso, Segreteria Finanze ed Esteri

 

Il caso ricorda, per gravità, l’assedio della Guardia di Finanza attuato dal Ministro  Vincenzo Visco. ai tempi di Gabriele Gatti.

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy