San Marino, Amazon, Upr: una valutazione politica

San Marino, vicenda Amazon. Da Unione per la Repubblica una dettagliata e amara valutazione politica.

Tutti sapevano ma nessuno ha fatto nulla. Si è dovuto attendere l’intervento del Segretario di Stato per le Finanze e Bilancio Giancarlo Capicchioni per chiudere questa piccola “falla”.
Apprezziamo l’azione tempestivo e anche le esaustive spiegazioni fornite, però c’è qualcosa che non torna.
Mentre e’ introdotta la Smac Card obbligatoria con la certificazione dei ricavi, un soggetto estero ba potuto tranquillamente vendere e spedire in territorio senza pagare alcun tipo di aliquota.
Fiumi di parole spese da Governo e maggioranza su come i commercianti devono registrare in tempo reale le vendite, le forze sindacali che hanno fatto della Smac una bandiera e poi tutti, dentro le mura domestiche, ad acquistare on line da Amazon senza imposte.
Ci si permetta non è proprio una normale, anche perche’ si scopre che di questo piccolo vantaggio non approfittavano solo i sammarinesi ma anche i cittadini esteri che si facevano recapitare in territorio i preziosi pacchi Amazon “esentasse”.
Una sorta di duty free elettronico aperto a tutti in piena attività in modalità silenziosa mentre i negozi fisici sammarinesi lottano contro la crisi
.

Vedi comunicato stampa Upr


Leggi anche l’intervento Osla

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy