San Marino. Ancora sulla lapide del Papa in Basilica

Patrizia Cupo di Corriere Romagna San Marino: SCONTRO GOVERNO-RETTORE / Visita di Benedetto XVI / Targa ricordo al veleno e nessuno vuole pagarla / Al congresso non piace, pratica spedita in commissione

SAN MARINO. Confusione sulla targa della discordia in Basilica: dopo il parere della commissione, rimane il nodo di chi dovrà pagare. Non si placa la polemica riguardo la lapide voluta dalla Diocesi e da affiggere in Pieve per ricordare la visita di Benedetto XVI a San Marino: al Congresso non piace e la pratica è stata spedita in commissione monumenti che, convocata per venerdì scorso, è stata rinviata a causa della neve. Lo spiega il giovane presidente Alex Righi: «Il parere della commissione sarà vincolante ma se dovesse essere sfavorevole, rimane il problema di chi deve pagare: d’altronde, la targa è già stata fatta». Una “svista” che rischia di costare caro. «Si poteva operare in maniera diversa: con un po’ di dialogo, ci si sarebbe accordati» senza dispendio. Il problema, quindi, è nella mancanza di comunicazioni tra il rettore della Basilica, don Lino Tosi, e il congresso di Stato: la Reggenza era stata informata della volontà di far incidere una targa a ricordo della visita papale ma nulla era trapelato circa le fattezze del “ricordo”. E sono proprio quelle a far storcere il naso. Tradotto: quella lapide non piace. E’ di marmo rosa, troppo grande e il testo troppo lungo e, azzarda qualcuno, poco si confà alle caratteristiche della Pieve. (…)

 

 

ASCOLTA IL GIORNALE RADIO DI

OGGI

OGGI I

GIORNALI PARLANO
DI

Webcam
Nido del Falco

Meteo San
Marino di N. Montebelli

Vignette

di Ranfo

Accadde oggi, pillola di
storia

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy