San Marino. Area Democratica: “Serve una politica estera aperta, ma chiara”

In un contesto nel quale la Repubblica è tornata agli onori della cronaca internazionale per l’aver ricevuto il vaccino Sputnik V, con interrogativi sul posizionamento geopolitico sammarinese , emerge sempre più chiaramente la necessità di avere una politica estera aperta, ma chiara.

San Marino ha accusato le diverse velocità e gli intendimenti di coloro che negli anni hanno guidato la Segreteria agli Affari Esteri; in alcuni frangenti sembra che ci si fosse quasi rassegnati dal portare avanti una politica estera lungimirante, che facesse seriamente gli interessi della Repubblica. Abbiamo vissuto i primi passi dell’accordo di associazione, il dibattito per poter diventare Stato Membro, un referendum – quello del 2013 – che ha visto il PDCS, al tempo titolare degli Esteri, indicare la scheda bianca, pur di non prendere una posizione europeista chiara e poi, un rilancio dell’Accordo di Associazione e un ultimo atto, quello dell’attuale Segretario agli Esteri che, al netto di qualche dichiarazione sporadica, fa emergere un certo scetticismo verso questo percorso – se non addirittura stagnazione – e le frequentazioni con paesi “sovranisti” sembra sigillare questo intendimento.

Leggi il comunicato integrale

——

Caro lettore, Libertas mai come ora svolge un servizio pubblico importante per tutta la comunità. Se apprezzi il nostro lavoro, da 20 anni per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per aiutarci in questo momento straordinario. 
 
Anche un caffè alla settimana per noi può fare la differenza.
 
Puoi usare Paypal cliccando qui:
 
 
oppure facendo un bonifico con causale DONAZIONE all’IBAN intestato a Libertas:
 
SM78R0606709802000020148782
 
 
 
Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy