San Marino, banche. Politici che ‘rubano legalmente’ due volte allo Stato. Luca Lazzari

San  Marino, Consiglio Grande e Generale. Intervento di Luca Lazzari, consigliere indipendente,  sulla base della ordinanza ‘arresto Stolfi‘. Parla di politici che utilizzano le  erogazioni statali  date a fondo perduto (e senza effettivo controllo) alle banche  (credito imposta) per coprire i loro ammanchi privati presso le stesse.

Proseguono i commissari della legge: Eppure emerge dalle stesse relazioni
ispettive una connessione tra il mancato recupero dei crediti e una gestione non
oculata del credito. L’erogazione di leasing senza che il “cliente” politico
pagasse alcunché ne costituisce un esempio significativo. È paradossale che
vengano avallate operazioni con la mediazione di chi è corresponsabile
dell’enorme esposizione per ripianare la quale lo Stato ha concesso
finanziamenti a fondo perduto. Ci stanno dicendo che banche e politici si sono
fregati i soldi dei depositanti e che lo Stato anziché intraprendere delle
azioni legali ha disposto lo stanziamento di finanziamenti a fondo perduto. A
marzo di quest’anno denunciai personalmente in aula la possibilità che alcuni
politici avessero beneficiato in maniera illegittima della riduzione di un
proprio debito verso degli istituti in liquidazione, denuncia che è rimasta
inascoltata. Prosegue l’ordinanza: In tal modo la collettività, non solo ha
subito la sottrazione di risorse per effetto della corruzione, ma si trova a
pagarne anche il costo due volte sotto forma di finanziamento e sotto forma di
mancato esercizio delle azioni di responsabilità, nonostante la palese
violazione delle regole da parte di chi è stato succube, se non complice, della
mala gestito. Oltre il danno la beffa e la contro beffa dal momento che ai
corresponsabili del dissesto si permette di guadagnare ulteriormente attraverso
le provvigioni illecite, le partecipazioni occulte e l’utilizzo della banca a
scopo di riciclaggio
.

Leggi l’intervento di Luca Lazzari nell’ultima seduta consiliare (appunti di lavoro). Al testo effettivo non è possibile accedere perché il parlamento sammarinese non compila gli atti ed ai cittadini è impedito accedere perfino ai file audio delle sedute.

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy