San Marino. Bonifico Bcs: milioni elargiti senza garanzie

Antonio Fabbri – L’informazione di San Marino: Bonifico Bcs, emerge la desolante situazione della banca con milioni elargiti senza garanzie

Ascoltati tre testimoni nell’udienza di ieri sul caso del bonifico di Bcs effettuano durante il blocco dei pagamenti che era scattato il 25 novembre 2011, quando la banca era commissariata. Per quei fatti sono sotto processo, con l’accusa di interesse privato in atti d’ufficio, i commissari Sergio Gemma, Otello Carli e l’ex Direttore di Bcsm, Mario Giannini. Era tra i rinviati a giudizio anche l’ex membro della vigilanza Antonio Gumina, nel frattempo deceduto. (…)

Nell’audizione tra le domande formulate è emerso un dato che era già stato abbozzato in una delle prime udienze: il bonifico venne materialmente eseguito dalla Banca centrale. “Il pagamento – ha affermato l’avvocato Pier Luigi Bacciocchi – è stato comunicato a Bcsm perché fu Banca Centrale, avendone la disponibilità, ad effettuare il trasferimento dei fondi…”, ha detto l’avvocato. “Immagino di sì”, è stata la risposta del consulente. Il testimone ha anche dato conto di una situazione desolante della banca. “C’erano criticità strutturalio-rganizzative. Non erano stampati i registri contabili, non c’era il libro fideiussioni. Anomali i rapporti con i clienti per l’erogazione del credito. Numerosi rapporti erano attenzionati, perché vi erano finanziamenti chirografari a 20-25 anni senza la sottoscrizione di fideiussioni. (…)

 

Leggi l’intero articolo di Antonio Fabbri pubblicato dopo le 22

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy