San Marino. Bufera su Bcsm, Civico 10: ‘Clarizia faccia un passo indietro’. L’informazione di San Marino

Antonio Fabbri – L’informazione di San Marino: Civico 10: “Banca centrale Clarizia faccia un passo indietro” / Di fronte ai recenti sviluppi dell’inchiesta sulla tangentopoli sammarinese il movimento annuncia battaglia

Gli interrogativi sul ruolo dei vertici di Bcsm nella partita per la vendita delle licenze di Bcs e Ecb sono tali che “fossi nel presidente Clarizia, farei un passo indietro”. Matteo Ciacci, coordinatore di Civico 10, insieme al consigliere Luca Santolini, a margine di un incontro con i cronisti sullo sport, interviene sulle ultime dichiarazioni del presidente di Banca centrale, Renato Clarizia, sul ruolo dei vertici dell’istituto nella trattativa di vendita di licenze bancarie condotte da Claudio Podeschi e Fiorenzo Stolfi. “Il presidente di Bcsm – afferma Santolini – deve chiarire le mancanze dei vertici della vigilanza sulla comunicazione all’autorità giudiziaria delle trattative con un ungherese indagato per riciclaggio, frode e truffa, e deve chiarire i motivi di questa mancanza di comunicazione”.

Ciacci stigmatizza l’invito fatto dallo stesso Clarizia alla difesa dell’autorevolezza di Bcsm per i prossimi incontri con il Fondo monetario. “Dagli stralci di ordinanza pubblicati – osserva – la responsabilità dei vertici non lasciano indifferenti, fossi in lui farei un passo indietro, per far sì che Banca centrale sia un istituto legittimato a incontrare l’Fmi”. E ancora, osservano i civici: “Per la prima volta ci sono state perquisizioni in Via del Voltone, se c’era tutta questa trasparenza perché sono state necessarie?”. (…)

 

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy