San Marino. Caso Cartiera Ciacci, attacchi a Rete e alla giunta di Acquaviva

“Adesso è il mio turno di fare quello che dice il saggio: ‘Mi siederò sulla sponda del fiume e aspetterò che passi il cadavere del mio nemico’”.

Lo afferma Augusto Michelotti in una nota in cui critica, e non poco, l’atteggiamento assunto da Rete e dalla giunta di Acquaviva sul caso Cartiera Ciacci.

“Si sono finalmente scoperte le carte; gli urli, gli strepiti e le minacce erano sapientemente orchestrate e pilotate dall’opposizione, da Rete in particolare, ma c’era anche la Dc che orchestrava nascosta nel macchione, che, da brava forza di opposizione sempre pronta a distruggere e mai a costruire e capace solo di cavalcare lo scontento e l’irrazionale che viene dalla pancia della gente in realtà aveva un solo obiettivo: ‘muoia Sansone con tutti i filistei’, ovvero, mandiamo a casa questo governo anche se ciò dovesse costare la rovina del Paese”, manda a dire l’ex segretario di Stato per il Turismo e il Territorio.

“Fatemi vedere come si fa, fatemi vedere tutte le mie, e non solo mie, incapacità, ma fate presto perché, come dicevate voi, laggiù si continua a inquinare anche se sembra che la gente del posto, ora che sono cambiati i suonatori, non abbia più problemi di convivenza con quello che fino a pochi giorni fa era un mostro da sconfiggere. Spero che qualcuno mi smentisca”, chiosa Michelotti.

Leggi il testo integrale dell’opinione di Augusto Michelotti

 

 

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy