San Marino. Caso Poggiali: Dc pronta questa sera in assemblea a chiedere le dimissioni del presidente. Corriere Romagna

Patrizia Cupo – Corriere Romagna: Dc pronta a chiedere le dimissioni del presidente /
Poggiali a processo per riciclaggio: «Sono sereno, l’indagine non riguarda il mio ruolo. Né dolo né malafede» /
La maggioranza in tensione. Psd: «Da noi sarebbe sospeso». Ap: «Fatto grave, specie in questo momento»

SAN MARINO. Il rinvio a giudizio per riciclaggio del presidente della Dc turba il clima di “festa” attorno all’uscita della black list: il partitone sarebbe pronto a chiedergli le dimissioni, la maggioranza non si incrina, ma resta in tensione. Garantisti i Noi sammarinesi che lasciano alla Dc ogni decisione sul ruolo di Leo Marino Poggiali, duri Ap e i Socialdemocratici: da noi, dicono, sarebbe già sospeso. Intanto, il neo presidente del partitone si difende: l’indagine riguarda fatti che «non hanno nessuna attinenza col mio incarico politico nella Dc»; «né dolo né malafede», dice, e sulle papabili dimissioni dal ruolo di punta, è cauto: «Incontrerò la dirigenza per una decisione condivisa».
L’avviso di garanzia, dieci giorni fa. La difesa di Poggiali, affidata a Gian Nicola Berti, ha chiarito come il presidente democristiano sia stato sentito il 31 gennaio come persona informata sui fatti. A quella convocazione, però, ne è seguita un’altra. Il presidente (che è stato rinviato a giudizio assieme ad altri tre per riciclaggio perché accusato di aver aiutato a nascondere 2 milioni e 300mila euro sottratti da una curatela fallimentare e destinati in realtà all’Inps) è stato convocato come teste dal tribunale di San Marino il 31 gennaio scorso: l’inchiesta era aperta dal 2010, su segnalazione della banca per la quale Poggiali lavorava, l’Eurocommercial bank, e poi dell’Aif. Nel corso dell’audizione, la posizione del presidente Dc è cambiata, tanto che l’esame del teste è stato interrotto e Poggiali è stato iscritto nel registro degli indagati. La comunicazione giudiziaria (ossia, l’avviso di garanzia) gli è stata notificata il 7 febbraio ed è stato quindi interrogato. Al 13 febbraio risale il rinvio a giudizio.
(…) La maggioranza tesa.
Gli alleati dei democristiani non chiedono ufficialmente le dimissioni
di Poggiali, ma se le aspettano. Più garantisti i Noi sammarinesi: «Sono questioni interne al partito – dice Maria Luisa Berti, coordinatrice del movimento -. Lo conosco di persona e penso che sia perbene, credo avrà la possibilità di chiarire la sua estraneità». Più duri i Socialdemocratici: «Il Psd – spiazza il segretario Marina Lazzarini – ha un codice etico: un politico rinviato a giudizio viene sospeso da ogni incarico fino alla sentenza. La Dc, a casa sua, faccia ciò che vuole». «Quanto accaduto è grave, specie visto il momento delicato – affonda Mario Venturini di Alleanza popolare -, qui non si tratta di un soggeto indagato ma rinviato a giudizio. Se accadesse in Ap, lo sospenderemmo. La Dc? Mi aspetto che agisca nel modo migliore».


Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy