San Marino. Centrale del latte, Sinistra Unita: ‘Una costosa privatizzazione’

Sinistra Unita torna a parlare della privatizzazione della Centrale del Latte, in attesa che si venga a conoscere l’esito del bando pubblico per la sua assegnazione.

In termini economici sarebbe un vero e proprio salasso perché, da un lato si perderebbe  un’azienda che –  nonostante tutto – si autosostiene, dall’altro lo Stato per gli anni a venire dovrebbe pagare  oltre 600 mila euro  annui  di stipendio a quei lavoratori  della Centrale che senza ombra di dubbio, potendo scegliere tra essere privatizzati o passare nella PA, opteranno per diventare dipendenti pubblici.

Oggi la manifestazione d’interesse pubblicamente espressa dagli allevatori sammarinesi cambia le  carte in tavola. Infatti se la scelta dovesse essere quella tra una sconosciuta azienda italiana lontana centinaia di chilometri dal nostro territorio e i nostri allevatori, non vi sono dubbi che la scelta debba ricadere su questi ultimi, perché solo così si potrebbe garantire  la tracciabilità  e la tipicità del prodotto lattiero – caseario. (…)

Leggi il comunicato Sinistra Unita

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy