San Marino, Cis in vendita. ‘In corsa la Banca di San Marino’

Il Resto del Carlino: I commissari venderanno il Cis: in corsa la Banca di San Marino

«Siamo stati  commissariati per colpa del Cis, ma non lo venderemo», aveva assicurato, soltanto 5 mesi fa, il presidente della Fondazione Massimo Pasquinelli. E invece il Credito Industriale Sammarinese  (che ha chiuso il 2010 con una perdita di 49 milioni di euro) alla fine sarà ceduto. E anche molto presto.

Per la banca sammarinese controllata dalla Carim potrebbe essere, a questo punto, solo questione di pochi mesi per il passaggio di mano. Le proposte d’acquisto arrivate ai commissari  Carollo e Sora, negli ultimi mesi, sono state diverse. Tanto che i due amministratori straordinari di Carim l’hanno messo anche nero su bianco nella relazione, parlando di concrete «manifestazioni d’interesse per l’acquisto dell’intera partecipazione della banca».

Offerte che ora anche la Fondazione giudica interessanti. «Noi siamo sempre stati contrari, in effetti, a cedere il Cis—ricorda Pasquinelli — Non avevamo intenzione di svenderlo, anche se sono e resto convinto che la Carim è stata commissariato solo perché proprietaria del Credito industriale sammarinese. Ma ora ci sono, per il Cis. Sono offerte che noi, come i commissari, riteniamo adeguate.

Potrebbero essere gli stessi Carollo e Sora a cedere l’istituto, se le trattative andranno in porto entro breve, altrimenti a vendere il Cis ci penseranno i nuovi vertici della banca». In corsa per il Cis ci sono soprattutto un paio di banche sammarinesi, tra cui c’è anche la Banca di San Marino. Ma, dalle indiscrezioni che trapelano, ci sono anche alcuni gruppi bancari italiani interessati all’acquisto.

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy