San Marino coinvolto da Ancona in una frode fiscale da 30 milioni di euro

Anche la Repubblica di San Marino figurerebbe fra i Paesi coinvolti in una frode fiscale (Operazione Fantafarma) scoperta dalla Guardia di Finanza di Ancona.

Laura Rotoloni di vivereancona.it: Operazione ‘Fantafarma’: il nucleo GdF di Ancona scopre frode fiscale per oltre 30 milioni di euroFrode fiscale transnazionale per oltre 30 milioni di euro per l’Operazione ‘Fantafarma’. A scoprirla il nucleo di Guardia di Finanza di Ancona dopo due anni di investigazione. I farmaci nella realtà erano movimentati solo sulla carta. Sequestrati conti correnti ed abitazioni.
Oltre trenta milioni di euro di base imponibile sottratta alla tassazione. E’ questa la scoperta fatta dalla Guardia di Finanza di Ancona e scaturita da false fatture che simulavano la compravendita di prodotti farmaceutici tra società italiane ed estere. Fatture false, dunque, per costi mai sostenuti che hanno diminuito, fino a eliminarli, gli utili prodotti dalle società coinvolte
.
(…) I sette responsabili dei reati, residenti tanto nelle Marche, quanto in altre regioni italiane e all’estero, sono stati colpiti dai sequestri “per equivalente” di denaro e beni immobili. Le indagini sono iniziate quando gli investigatori del Comando dorico hanno messo in luce operazioni commerciali, del tutto fittizie, ideate per consentire, ai promotori del raggiro, di “caricare” nelle dichiarazioni dei redditi e I.V.A. costi di acquisto mai sostenuti, per importi milionari.
Gli accertamenti sono poi proseguiti sotto la direzione della locale Procura della Repubblica, attraverso intercettazioni telefoniche, perquisizioni, indagini bancarie, sopralluoghi e richieste di rogatorie internazionali nel Regno Unito, a Cipro e nella Repubblica di San Marino. Per acquisire le informazioni necessarie sulle presunte società con sede all’estero, gli investigatori hanno dovuto richiedere anche la collaborazione, a livello centrale, del II Reparto del Comando Generale della Guardia di Finanza che, a sua volta, ha attivato l’organo di ciascuno Stato interessato.
(…)

 

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy