San Marino. Commissione Finanze, Capicchioni: ‘Problemi di bilancio nel 2017’

COMMISSIONE
CONSILIARE PERMANENTE FINANZE, BILANCIO E PROGRAMMAZIONE;
ARTIGIANATO, INDUSTRIA, COMMERCIO; TURISMO, SERVIZI, TRASPORTI E
TELECOMUNICAZIONI, LAVORO E COOPERAZIONE

MERCOLEDI’
20 LUGLIO

I lavori della Commissione
consiliare Finanze si aprono con la presentazione del

Programma Economico 2017
da parte del segretario di Stato
per le Finanze,
Gian Carlo Capicchioni.
Dalle sua relazione, emerge che anche per il 2015 sarà raggiunto il
pareggio di bilancio, mentre per il Bilancio dell’esercizio 2016 si
prevede un disavanzo di € 10.846.427,15. Ma “l’obiettivo del
governo- spiega il segretario di Stato Capicchioni- è di
raggiungere l’equilibrio di bilancio in corso d’esercizio, in
sede di Variazione di bilancio e in fase di chiusura del bilancio
consuntivo 2016”. Nel suo intervento, il segretario di Stato tocca
anche la questione del sistema bancario sammarinese e dei crediti non
perfomanti. “E’ in fase di elaborazione- annuncia- un piano
strategico sui crediti dubbi con la valutazione dei possibili impatti
sul sistema e sul bilancio dello Stato che si stima sarà
disponibile fra qualche mese”. D’intesa con i commissari, il
dibattito sul Programma Economico 2017 viene posticipato alla
prossima convocazione della Commissione, per passare invece alla
successiva relazione del segretario di Stato Capicchioni, “il
Riferimento del Segretario di Stato per le Finanze ed
il Bilancio sui conti pubblici, sul rapporto FITCH e sulla liquidità
dello Stato già anticipati nella seduta del 29 giugno 2016”. Da
questo secondo intervento del responsabile delle Finanze, emergono
preoccupazioni per la sostenibilità dei conti pubblici a medio
termine: “Il Bilancio per il 2015 ha chiuso in equilibrio, per il
2016 l’obiettivo è l’equilibrio e si riuscirà a raggiungere- spiega
infatti- ma sul 2017 i problemi iniziano ad esserci, è l’anno delle
elezioni, con maggiori costi, con il raddoppio dei contributi ai
partiti e altri fattori”.


Nella foto: Gian Carlo Capicchioni 

Capicchioni rileva infatti che “non ci
sono più poste straordinarie attive, abbiamo necessità di
rafforzare alcuni settori della Pa, alcuni sono stati a ridotti a
tappeto, alcuni, come forze dell’ordine e tributario hanno necessità
di essere rafforzate”. Nota dolente poi è il costo dell’Iss:
“L’Istituto ci chiede 72 mln per il 2017 solo per la spesa
sanitaria, altri 17 mln per il discorso previdenziale”, cifre che
rappresentano un “colpo mortale” per le finanze pubbliche. “Se
vogliamo che l’Iss funzioni è chiaro che ha un costo- prosegue- ma
difficilmente riusciremo a mantenere il bilancio 2017 in equilibrio,
cosa invece necessaria per consolidare i conti pubblici e trovare
quella liquidità necessaria per il funzionamento della ‘macchina’”.
Di qui la necessità di attuare riforme strutturali: previdenza,
ammortizzatori sociale, completamento del mercato del lavoro,
imposizioni diretta. Diversamente “oggi- conclude il segretario di
Stato- ci troviamo con la coperta molto corta”.

Terminato l’intervento di
Capicchioni, i commissari concordano di interrompere la seduta e
iniziare il dibattito nella seconda giornata di convocazione, venerdì
mattina.

Di seguito un estratto dei lavori
odierni.

[Leggi Report
Agenzia SMNA]

Comunicazioni.

Roger Zavoli C10

Comma 2. Riferimento in
merito alla presentazione del Programma Economico 2017 da parte del
Segretario di Stato per le Finanze ed il Bilancio, ai sensi
dell’articolo 15 della Legge 18 febbraio 1998 n.30 e successivo
dibattito

Gian Carlo Capicchioni, segretario di Stato per le Finanze

Comma 3. Riferimento
del Segretario di Stato per le Finanze ed il Bilancio sui conti
pubblici, sul rapporto FITCH e sulla liquidità dello Stato già
anticipati nella seduta del 29 giugno 2016

Gian Carlo Capicchioni, Segretario
di Stato per le Finanze

Massimo Cenci, Ns, presidente

San Marino, 20 Luglio 2016/02

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy