San Marino. Consiglio, Beccari respinge l’accostamento di San Marino a episodi di malaffare

Consiglio, Beccari respinge l’accostamento di San Marino a episodi di malaffare

Le notizie di stampa che tirano in ballo il Corpo diplomatico sammarinese in intercettazioni
legate a un’inchiesta giudiziaria italiana, il piano nazionale di emergenza energetica, e ancora
la politica internazionale e la guerra in Ucraina: sono tra i temi affrontati all’avvio della sessione
consiliare, oggi pomeriggio, in comma Comunicazioni. Nel corso del dibattito, Libera presenta
due Ordini del giorno: il primo, presentato dal consigliere Giuseppe Maria Morganti, torna
sulla posizione del Titano rispetto al conflitto in Ucraina (vedasi sotto). Il secondo Odg, presentato da Luca Boschi, riguarda le telecomunicazioni, e chiede che entro il 31 ottobre il Consiglio grande e generale si impegni ad approvare una Commissione di inchiesta per fare chiarezza sugli ostacoli che impediscono lo sviluppo del settore nella Repubblica di San Marino. Concluso il primo comma, l’Aula ha iniziato l’esame del decreto legge e dei decreti delegati: ratificato il n.112 “Norme di attuazione del progetto San Marino Card” . Vista la scadenza vicina delle attuali Smac in circolazione- al 31 ottobre per le prime emissioni, al 31 dicembre 2022 per le successive, “entro il nuovo anno tutti potranno usufruire di un nuovo strumento- spiega il Segretario di Stato per le Finanze, Marco Gatti, introducendo il provvedimento- che sarà dematerializzato, ovvero attraverso un’applicazione del cellulare sarà possibile effettuare tutte le operazioni che già si fanno con la Smac card e anche altre nuove”. La seduta si conclude mentre si affronta il decreto n.114 “Valorizzazione e Valutazione dei Dirigenti dell’Istituto per la Sicurezza Sociale”, presentato dal Segretario di Stato per la Sanità, Roberto Ciavatta, il cui esame è proseguito in seduta notturna.
Luca Beccari, Sds per gli Affari Esteri : Alcuni consiglieri sono intervenuti sulla vicenda appresa dai giornali domenica scorsa e su cui come Segreteria stiamo cercando di acquisire le corrette
informazioni. Sicuramente respingiamo con forza tutti i giudizi e accostamenti di San Marino a
episodi di malaffare presunti e conclamati che possono avvenire in Italia o in qualunque parte
del mondo. Di strada il nostro paese ne ha fatta tanta e abbiamo compiuto lo sforzo- con costi sistemici non indifferenti- della conversione economica e dell’allineamento ai parametri internazionali. E sinceramente, da sammarinese e da persona che ha lavorato negli anni a questo
percorso, sono stanco di sentire ancora il nome di San Marino in intercettazioni dove si fanno
accostamenti e allusioni che creano la notizia di giornale (…)

Articolo tratto da La Serenissima

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy