San Marino. Consiglio G. e G. seduta pomeridiana (seconda parte). Resoconto Agenzia Dire

Consiglio Grande e Generale, seduta pomeridiana, seconda parte. Resoconto Agenzia Dire

Nella seconda parte della seduta, l’Aula prosegue il dibattito in comma Comunicazioni sulla questione morale. Per Luigi Mazza, Pdcs, la politica non ha fallito ma “ha fatto quello che doveva fare per cambiare pagina e il rinnovamento deve andare avanti”. In questo senso conferma la sua intenzione a non ricandidarsi nella prossima tornata elettorale. 

Massimo Cenci, Ns, invita ad andare avanti e “proseguire con il lavoro fatto”. Manuel Ciavatta, Pdcs, tocca la questione voto di scambio: “Non si riesce a stabilire chi rientri e canalizzi i voti- manda a dire- quello che la politica deve fare invece è continuare a fare leggi chiare perché non succeda quanto successo in passato e che gli imprenditori non abbiano più sponda in Consiglio e nel governo”. Per Guerrino Zanotti, Psd, non è accettabile  la richiesta di “azzeramento politico”. Giovanni Francesco Ugolini, Pdcs, invita ogni partito a fare autocritica,“prendere distanza da certi sistemi e opacità, puntare al rinnovamento”, e assicura che il suo lo sta già facendo. Francesca Michelotti, Su, ribadisce che la soluzione migliore per il Paese sia andare alle elezioni, lamentando la mancanza di coraggio nei partiti tradizionali, incapaci a suo dire di un vero rinnovamento.“Se non lo avete mostrato questo coraggio fino ad oggi- dice- non credo che lo farete domani”. Andrea Belluzzi, Psd, conferma invece la volontà di rinnovamento interno: “Il percorso che molti partiti hanno iniziato- sostiene- si fa nominando persone nuove in determinati organismi e percorrendo quella strada in tutti gli ambiti”.

Per Francesco Mussoni, segretario di Stato per la Sanità, le elezioni anticipate sarebbero “un errore sistemico generale”. Quindi Marco Arzilli, segretario di Stato per l’Industria, confida che gli elettori saranno i primi giudici del sistema. “Chi pensa che il sistema si possa mettere a posto usando gli interessi di partito o del movimento mandando tutti a casa- manda a dire- non fa gli interessi del Paese, che sono superiori”. L’ultimo consigliere a prendere la parola in giornata è Grazia Zafferani, di Rete: “Non mi interessa sentire che nei vostri partiti avete avviato cambiamento di metodo e rinnovamento- lamenta in Aula- se leggete l’ordinanza capirete da soli che cambiare metodo non può bastare”. Il gruppo di Rete ha depositato nel tardo pomeriggio un ordine del giorno, sottoscritto anche da Su e C10, per richiedere lo scioglimento del Consiglio grande e generale che sarà letto e illustrato in Aula domani mattina. I lavori si concludono e riprenderanno domani alle 9, proseguendo il comma Comunicazioni.

Interventi

 

Comma 1. Comunicazioni

Luigi Mazza, Pdcs

Massimo Cenci, Ns

Manuel Ciavatta, Pdcs

Guerrino Zanotti, Psd

Giovanni Francesco Ugolini, Pdcs

Francesca Michelotti, Su

Andrea Belluzzi, Psd

Francesco Mussoni, segretario di Stato alla Sanità

Marco Arzilli, segretario di Stato per l’Industria

Grazia Zafferani, Rete

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy