San Marino. Contro le mafie un esteso apparato. Difettano i risultati

San Marino. Ad ogni notizia di mafia un sussulto. Notizie come quella diffusa da IlSole24Ore  che personaggi apicali della malavita impelagati nella indagine Aemilia vantano “amicizie nelle istituzioni sanmarinesi“, fanno tornare in mente  quel terribile triste 21 settembre 2011
quando si apprese dal Il Mattino di Napoli  dell’operazione Staffa. I sammarinesi scoprirono  da una intercettazione quanto il fenomeno  fosse  già radicato:  se l’affare “si inceppa per colpa mia… vengono fino a qua e mi sparano in
testa
!!!.. ….se, si inceppa per colpa tua, vengono qua e ti sparano in
testa
!!!!!”. Ancora nessun condannato. Come non sappiamo più nulla circa il ‘forno Vallefuoco‘  (con  relativo appalto scolastico). Come non sappiamo  più nulla di quel  tizio  che ha ottenuto una firma tenendo il recalcitrante per i piedi da una finestra del quarto o quinto piano dell’Admiral Point.

Eppure abbiamo forze dell’ordine di  diverse tipologie. Perfino l’Interpol. Abbiamo l’UCVAE (Ufficio di Controllo e Vigilanza sulle
Attività Economiche), il  CLO (Ufficio Centrale di Collegamento), l’Agenzia Investigativa Finanziaria, la Vigilanza di Banca Centrale.

Ebbene  la Guardia di Finanza di Macerata scopre che un tizio, con amicizie in ambienti non certo tranquillizzanti, ha trasferito non molto fa  milioni di euro in auto  in soggetti finanziari sammarinesi quando gli stessi sammarinesi sono subissati  di richieste sino al limite della vessazione per ritirare una raccomandata o pagare una bolletta.


Ancora non si ha certezza che  soldi pubblici non siano  finiti nelle tasche di quei di Mafia Capitale.

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy