San Marino, coronavirus: la tendenza non si inverte

Rimane il  “bisogno di invertire quella curva”. Il numero dei test cresce ma forse non  abbastanza.

Oggi ancora un  aumento dei casi positivi fa crescere  il numero dei contagiati. Nella  conferenza stampa odierna  non si è  percepita la preoccupazione  reale della gente.  Anzi ci sono state affermazioni quasi fuori tono. 

Il ‘processamento’ dei tamponi avviene in autonomia, cioè nell’Ospedale della Repubblica di San Marino. Tempo per l’esito un’ora. A costo zero per chi ha Carta Azzurra, cioè il codice ISS.
Nella tenda, montata dalla Protezione Civile  nei pressi dell’ospedale il 6 marzo scorso, vengono effettuati i prelievi per i test sierologici.
Il risultato di detta indagine (presenza o meno di   anticorpi) indica se la persona deve sottoporsi anche al tampone. Ci  vorrebbero  le codizioni per rilasciare la ‘patente di immunità‘ indispensabile per riavviare le attività. 

A disposizione anche altri dati a seguito della conferenza stampa odierna del Gruppo di coordinamento. 

 

  Continua a leggere  la evoluzione dei dati  a partire dal 25 febbraio 2020.

Si richiama l’obbligo di legge   (Leggi il decreto : DECRETO – LEGGE 17 aprile 2020 n.62) di  osservare le disposizioni emanate per “contrastare e contenere il diffondersi del virus COVID-19 nella Repubblica di San Marino”:
a) sono vietati l’assembramento di persone in parchi, piazze e giardini pubblici nonché ogni spostamento delle persone fisiche in entrata e in uscita dal territorio della Repubblica o all’interno dello stesso, salvo per le seguenti eccezioni e comunque nel rispetto delle regole di
distanziamento sociale e con l’obbligo di utilizzo di idonei dispositivi di protezione individuale (mascherine e guanti):
1. spostamenti motivati da comprovate esigenze lavorative;
2. situazioni di necessità oppure spostamenti per motivi di salute, come disciplinati in separata circolare;
3. rientro presso il proprio domicilio, abitazione o residenza;
Le forze di polizia sono deputate al controllo del rispetto di tali prescrizioni la cui violazione è punita con una sanzione pecuniaria amministrativa da euro 500,00 (cinquecento/00) ad euro 2.000,00 (duemila/00);
b) ai soggetti con sintomatologia da infezione respiratoria e febbre (maggiore di 37,50 C) è fatto obbligo di rimanere presso il proprio domicilio e limitare al massimo i contatti sociali, contattando l’apposito numero 0549.994001 istituito presso l’ISS;
c) divieto assoluto di mobilità dalla propria abitazione o dimora per i soggetti sottoposti alla misura della quarantena o risultati positivi al virus. In tali casi l’assenza dal domicilio ovvero la sosta nelle aree comuni dei plessi condominiali è punita con sanzione pecuniaria amministrativa da euro 500,00 (cinquecento/00) a euro 2.000,00 (duemila/00), oltre all’avvio delle procedure
penali previste;  …
(continua a leggere il decreto).

Per rendere più sbrigative le operazioni di controllo, la Gendarmeria, la Polizia Civile e la Guardia di Rocca consigliano,   prima di uscire di casa,  di precompilare l’apposito  modulo di autocertificazione.
Leggi anche le nuove indicazioni  per
– la gestione dei rifiuti urbani– avere le ricette mediche direttamente in farmacia. Clicca: servizio on-line.

PRECAUZIONI cui dobbiamo attenerci:
Misure igienico-sanitarie:
a) lavarsi spesso le mani. Si raccomanda di mettere a disposizione in tutti i locali pubblici,
privati e luoghi di aggregazione soluzioni idroalcoliche per il lavaggio delle mani;
b) evitare il contatto ravvicinato con persone che soffrono di infezioni respiratorie acute e
comunque evitare abbracci, strette di mano e contatti fisici diretti con ogni persona;
c) igiene respiratoria (starnutire o tossire in un fazzoletto evitando il contatto delle mani con
le secrezioni respiratorie);
d) mantenere in ogni contatto sociale una distanza interpersonale di almeno un metro;
e) evitare l’uso promiscuo di bottiglie e bicchieri, anche durante l’attività sportiva;
f) non toccarsi occhi, naso e bocca con le mani;
g) coprirsi bocca e naso se si starnutisce o si tossisce;
h) non prendere farmaci antivirali e antibiotici, a meno che siano prescritti dal medico;
i ) pulire frequentemente le superfici con disinfettanti a base di cloro o alcol;
l) usare la mascherina solo se si sospetta di essere malato o si assistono persone malate

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy