San Marino. Cs come Bdt?

San Marino. L’intervento dello Stato, di questi giorni,   per  il Credito Sammarinese, fa ritornare alla mente quello a favore di Banca del Titano, nel 2007.

Nel 2007 il governo decise di salvare Banca del Titano   con un intervento diretto dello Stato. Soldi pubblici  investiti per  concorrere a chiudere un  enorme buco: 30 milioni di euro circa.

Nel caso di Credito Sammarinese il buco non pare esser inferiore. Di diverso c’è che si è deciso di chiudere la banca e salvaguardare gli interessi dei clienti.

Nel caso di Banca del Titano lo Stato, di fatto, rinunciò a promuovere azioni di responsabilità verso i soci e gli organi sociali della Banca e, di fatto, rinunciò  a recuperare la somma investita. Leggi in proposito il decreto Banca del Titano, del 15 ottobre 2007.

Nel  decreto per il  Credito Sammarinese emanato oggi, circa un eventuale recupero della somma investita nell’operazione, si legge:  Ai fini della determinazione della perdita si tiene conto di ogni utilità che
dovesse derivare alle banche cessionarie nell’ambito delle operazioni di
realizzo ovvero a seguito delle azioni di responsabilità e risarcitorie anche
successivamente al termine ultimo di cui all’articolo 3
, vale a dire  dopo otto anni. 

Basterà questo cenno?

OGGI I GIORNALI PARLANO
DI

Webcam
Nido del Falco

Meteo San
Marino di N. Montebelli

Vignette di Ranfo

 

 

 

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy