San Marino. Csdl: Riforma fiscale: il progetto va ritirato! Sciopero generale unica risposta possibile

I Direttivi della Confederazione Sammarinese del Lavoro, riunitisi oggi chiedono il ritiro  della Riforma fiscale e confermano lo sciopero generale come unica risposta al nuovo atto di arroganza antidemocratica dell’Esecutivo, in quanto la nuova stesura del progetto ‘non c’è nulla delle richieste dalla CSU sugli accertamenti e sulla
emersione di tutti i reddit
i, e vi sono ancora gravi problemi nella
tassazione dei lavoratori dipendenti e in quella del lavoro autonomo’.

Fin dalle prossime ore il Sindacato avvierà una massiccia campagna di informazione per illustrare a tutti i cittadini, anche con numeri e tabelle, gli effetti devastanti di questo progetto di legge e la sua totale assenza di equità e giustizia sociale.

Non vi è nulla, si diceva, delle richieste CSU sul fronte accertamenti e lotta alla elusione/evasione fiscale. Tra gli esempi, il reato di evasione fiscale viene previsto solo a partire da un importo di tasse non pagate pari a 25.000 euro, che corrispondono ad un imponibile di 155.000 euro. Una cifra altissima e inverosimile,  che lascia del tutto impuniti molti reati di evasione, e dimostra che non c’è per nulla la volontà di punire questo grave reato.

E ancora: nessun corpo di polizia tributaria ma solo un generico nucleo antifrode che potrebbe essere eventualmente attivato su richiesta dall’Ufficio Tributario; nessun redditometro per verificare la corrispondenza tra i redditi dichiarati e i consumi e gli stili di vita: nessuna possibilità di accedere ai conti correnti bancari per accertare le disponibilità economiche dei contribuenti. E di esempi se ne potrebbero fare molti altri.

Leggi il comunicato della Csdl

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy