San Marino. Csu: ‘Giu’ le mani dal fondo comune di riserva di rischio’

La Centrale Sindacale Unitaria protesta fortemente per l’articolo 6 inserito dal Governo nell’assestamento di bilancio che prevede di ripianare il disavanzo delle pensioni di artigiani e commercianti con
un prelievo straordinario dal Fondo comune di riserva di rischio.

Lo riporta l’Agenzia Dire

“Abbiamo chiesto di stralciare l’articolo 6 e di avviare un tavolo di
trattativa sull’argomento. C’e’ un impegno in tal senso”, racconta a
caldo il segretario generale della Confederazione democratica dei
lavoratori sammarinesi, Marco Tura, non nascondendo che “la scelta del
governo ci ha fatto molto arrabbiare. Usare le risorse di tutti per
ripianare il debito di qualcuno da’ fastidio”.
Infatti l’intervento
punta a prelevare ingenti risorse da un fondo costituito dai contributi
previdenziali di tutti i lavoratori, quindi principalmente dipendenti.
“Si tratta di 14 milioni di euro, e’ inaccettabile”, attacca il
segretario confederale della Confederazione sammarinese del lavoro
Donatella Olga Zanotti. “Il governo, con un blitz di cui nessuno sapeva
nulla, ha inserito la norma nell’assestamento di bilancio. E’ inaudito”.

Leggi Agenzia Dire

Leggi comunicato della Csu

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy