San Marino. Dati con valenza fiscale dello Stato sammarinese, secretati al fisco sammarinese

I politici sammarinesi, in materia fiscale,   sarebbero   disposti a cedere sulla trasparenza
totale   con scambio di informazioni anche  automatico,  ma …  verso l’esterno della Repubblica di San Marino.
Non all’interno.
All’interno hanno deciso di vietare lo   scambio automatico  di informazioni  tra i vari settori dello Stato sammarinese ed il
fisco sammarinese.  

Pali, paletti e ostacoli di ogni genere,  sono stati introdotti    nella  riforma  fiscale,  perché detto  scambio  non  avvenga. 
Per trasmigrare  dati fiscalmente sensibili dai vari settori dello Stato   al fisco  si deve passare per  caverne  vigilate da mostri  come il segreto professionale o  il segreto d’ufficio.
Addirittura è stato introdotto il  pronunciamento del tribunale. 

All’interno degli  altri Stati lo scambio automatico delle informazioni  fra i vari settori  a favore del proprio fisco è prassi usuale, A  San Marino è 
tabù.

Vietato anche parlarne. 
Chi tocca questo  tasto è, tout
court, additato come un nemico della Repubblica. 

La salvezza della Repubblica non c’entra.
C’entrano gli interessi dei poteri forti.

I poteri forti, ottenuto quel che volevano,  hanno ritirato la richiesta  di un condono
fiscale tombale, che, a suo tempo, ha avuto come paladini,   Gabriele
Gatti
, Ernesto
Benedettini
Psrs ed Alvaro Selva

 

Leggi

A
San Marino occorre la trasparenza totale sugli assetti societari. Per ragioni
esterne ed interne

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy