San Marino. Dietrofront del governo sui tagli agli stipendi dei docenti

Retribuzioni insegnanti, governo torna sui suoi passi. Al 90% per maggio e giugno e 100% luglio e agosto

Con uno scarno comunicato la segreteria Istruzione ha fatto sapere, sabato, di aver raggiunto l’accordo con i sindacati circa la retribuzione degli insegnanti. Il governo, quindi, torna sui suoi passi dopo aver sostenuto in Consiglio la decurtazione degli stipendi fino al 30% in tempi di didattica a distanza, senza tra l’altro non pochi scivoloni e un acceso dibattito sul se avessero lavorato di più o di meno. Posizioni che avevano causato una sonora protesta dei docenti. Governo ritratta, dunque, i propri precedenti decreti e ripristina per maggio e giugno la retribuzione al 90% comprese le indennità per Scuola Elementare, Medie, Superiori e Cfp-Upal. 90% anche per le scuole dell’infanzia con il ritorno della didattica in presenza. Poi la retribuzione tornerà al 100% per i mesi di luglio e agosto. (…)

Articolo tratto da L’Informazione di San Marino 

——

Caro lettore, Libertas mai come ora svolge un servizio pubblico importante per tutta la comunità. Se apprezzi il nostro lavoro, da 20 anni per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per aiutarci in questo momento straordinario. 
 
Anche un caffè alla settimana per noi può fare la differenza.
 
Puoi usare Paypal cliccando qui:
 
 
oppure facendo un bonifico con causale DONAZIONE all’IBAN intestato a Libertas:
 
SM78R0606709802000020148782
 
 
 
Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy