San Marino. Dopo trent’anni a Fiorentino arriva la farmacia. Con una coda polemica

SAN MARINO. Bene per l’arrivo della farmacia – sottolineano la Giunta di Castello di Fiorentino e la Parrocchia di Fiorentino in una nota congiunta – ma è ingiusto sventolare bandiere. Dopo trent’anni di tentativi e richieste, arriva infatti la farmacia a Fiorentino, ma sembra non senza polemiche.  

La Giunta di Castello e la Parrocchia di Fiorentino, rispettivamente anima Istituzionale e spirituale della nostra realtà, sentono di dover esprimere congiuntamente i complimenti alla nostra comunità tutta per la caparbietà con cui ha portato avanti il progetto dell’apertura della Farmacia. Una caparbietà lunga trent’anni fatta di raccolta firme, Istanza d’Arengo e continue richieste che ci vede oggi uniti con soddisfazione.

A malincuore dobbiamo comunque fare un richiamo ai valori comunitari ed etici ai nostri cittadini, in particolare a coloro che si arroccano l’esclusività dei meriti, pur non essendo entrati in gioco in questa fase cruciale e delicata dell’avvio del progetto.

In tanti hanno apportato il loro contribuito, sventolare bandiere è ingiusto nei confronti di tutti coloro che con umiltà non inneggiano a meriti, ma condividono i risultati. Non è certo nei bar, dalla parrucchiera o tramite lettere che si ricerca e trova la verità, la verità sta nei fatti che dimostrano quanto una comunità sa essere efficace solo se unita e solidale.

Citando una frase di Papa Francesco concludiamo dicendo che la vanità non solo ci porta lontano da Dio: ci rende ridicoli. 

Comunicato Stampa

Giunta di Castello Fiorentino    Parrocchia di Fiorentino

IL CAPITANO                              IL PARROCO

Daniela Giannoni                         Don Ivano

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy