San Marino. Firmato il verbale d’accordo per il rinnovo del contratto industria. Csu

27 luglio 2012 – Da parte dei dirigenti delle Confederazioni sindacali e della Federazione Lavoratori Industria CSU, e dei dirigenti dell’ANIS, è stato firmato nella tarda mattinata di oggi il verbale d’accordo per il rinnovo del contratto di lavoro del settore industria per il periodo 1/1/2009 – 31/12/2014.
I contenuti dettagliati verranno illustrati dalla FLI-CSU in una conferenza stampa in programma lunedì 30 luglio alle 11.45 presso la sede CSU, a cui si invitano tutti gli organi di informazione.
Sul piano economico il verbale d’accordo prevede per i lavoratori dell’industria aumenti retributivi pari al 3% per il 2012, al 2% per il 2013 e all’1,5% per il 2014. Inoltre è prevista, alla fine del 2014, la verifica dell’inflazione registrata e l’eventuale adeguamento, fino ad un massimo del 3% annuo.
Per la parte economica per gli anni 2013 e 2014 e per la norma sulle 39 ore, è stato istituito un meccanismo che pone in correlazione tra loro questi due contenuti contrattuali. Alla scadenza del contratto, tale contenuti saranno reiterati, nell’eventualità che non si raggiunga un nuovo accordo.
Le 39 ore sono possibili solo qualora l’azienda non abbia esuberi di personale; in tal caso l’azienda è tenuta a tornare alle 37,5 ore al fine di ridurre l’impatto occupazionale. In alternativa alle 39 ore, le aziende possono utilizzare un monte ore flessibilità / straordinario per picchi / cali di lavoro, al fine evitare la cassa integrazione.
Va sottolineato che queste condizioni in diverse aziende sono già state attuate da tempo; in alcuni casi in modo concordato, in altri imposte ai lavoratori, senza che agli stessi sia stato dato nulla in cambio. Pertanto, tali lavoratori otterranno il dovuto riconoscimento economico a fronte delle disponibilità già fornite all’impresa.
La FLI richiama il Governo alle sue responsabilità, in quanto vi sono contenuti dell’accordo che necessitano di interventi legislativi, in particolare anche sul tema degli orari di lavoro. Ci auguriamo che i capigruppo consiliari adottino, su iniziativa del Governo che si è fatto garante di questo, un ordine del giorno che impegna la nuova maggioranza ad emanare tali provvedimenti di legge.
Va ribadito che il verbale d’accordo verrà sottoposto all’Attivo generale dei delegati sindacali dell’industria e alle assemblee con tutti i lavoratori del settore, ai quali spetta la decisione definitiva.
FLI-CSU

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy