San Marino. Fli-Csu: “Contagi da coronavirus in aumento nei luoghi di lavoro”

“Contagi da coronavirus in aumento nei luoghi di lavoro”.

L’allarme lo lanciano, attraverso un comunicato, i segretari della Federazione Industria della Centrale sindacale unitaria, Paride Neri (Flia-Cdls) e Agostino D’Antonio (Fuli-Csdl), che “negli ultimi giorni hanno ricevuto svariate segnalazioni da parte di lavoratori che denunciavano casi di contagio fra i colleghi”.

Tra le cause dell’impennata di infezioni, Neri e D’Antonio indicano le modifiche delle regole sulla quarantena: “Alcuni casi segnalati riguardano persone asintomatiche che, pur essendo in attesa dell’esito del tampone di un famigliare, hanno continuato a lavorare salvo poi scoprire di essere stati a loro volta contagiati“.

Ma soprattutto, riporta la nota, puntano il dito sulle nuove disposizioni introdotte dall’ultimo decreto anti-Covid riguardo gli obblighi da adottare per il lavoro da casa. A dirlo sono i numeri: in questo mese di marzo sono circa 400 i lavoratori che lavorano a distanza, contro i 3.880 di marzo 2020 durante la prima ondata pandemica.

“La ragione di una simile differenza – sottolineano i segretari della Federazione Industria Csu – va ricercata nel differente contesto, ma principalmente nei contenuti dei rispettivi decreti. Quello in vigore nello stesso periodo del 2020, infatti, oltre a prevedere il lavoro a domicilio, stabiliva l’obbligo di riduzione del 50% dell’organico all’interno delle aziende e la possibilità per il dipendente di astenersi volontariamente dal lavoro e accedere alla cassa integrazione. La combinazione di queste diverse disposizioni, più di ogni altra cosa, ha spinto le aziende, anche quelle più restie, a preferire il ricorso al lavoro a domicilio piuttosto che vedere ulteriormente ridotta la propria capacità operativa“.

Altra nota dolente dell’ultimo decreto, spiegano i segretari Fli-Csu, “è stata la scelta di chiudere le mense lasciando aperti bar e ristoranti, aumentando così il rischio di assembramenti dei lavoratori durante la pausa pranzo“.

Per questo, concludono, “su modalità delle quarantene, lavoro a domicilio e pianificazione aperture-chiusure è opportuno ristabilire le norme in vigore durante la prima ondata pandemica“.

——

Caro lettore, Libertas mai come ora svolge un servizio pubblico importante per tutta la comunità. Se apprezzi il nostro lavoro, da 20 anni per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per aiutarci in questo momento straordinario. 
 
Anche un caffè alla settimana per noi può fare la differenza.
 
Puoi usare Paypal cliccando qui:
 
 
oppure facendo un bonifico con causale DONAZIONE all’IBAN intestato a Libertas:
 
SM78R0606709802000020148782
 
 
 
Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy