San Marino. Fmi: ricapitalizzare sistema bancario, Iva e pensioni

Fondo monetario internazionale: Ricapitalizzare sistema bancario, Iva e pensioni

Il nuovo governo prende tempo, il Fondo monetario internazionale sottolinea che non c’è tempo da perdere. Questa in estrema sintesi la situazione del confronto che se da un lato vede il Fmi comprendere che il governo da poco insediato ha necessità di ingranare, dall’altro ha visto gli esperti di Washington mettere sul tavolo tutto le criticità da affrontare.

Dopo che ieri il Fmi ha incontrato la Commissione finanze, se ne dovrebbe sapere di più oggi nella conferenza stampa conclusiva della missione degli esperti del fondo, anche se nell’incontro con la Reggenza di mercoledì, come riporta la Rtv, hanno già messo in fila una serie di considerazioni che fanno molto riflettere.

Due principalmente i problemi da affrontare: un debito insostenibile e un sistema bancario non redditizio e da ricapitalizzare. Non però con l’intervento dello Stato, come sempre fatto finora. Su questo terreno avrebbe avuto una sonora bocciatura pure la legge sulle risoluzioni bancarie che ha avuto la sua applicazione sul caso di BancaCis. Necessarie poi, ma era già noto, riforma delle pensioni e introduzione dell’Iva.

Ci sarebbe un dato positivo, ma per le conferme occorrerà attendere la conferenza stampa di oggi, e sarebbe quello di un aumento del Pil, per una percentuale che sarebbe superiore all’1,5%. Crescita comunque ancora insufficiente per il Fondo, ma se il dato fosse confermato, si dovrebbe rivedere la linea secondo la quale per mesi si è raccontato di un paese fermo anche a fronte, tra l’altro, di dati dell’ufficio statistica che hanno dato nell’ultimo anno l’occupazione sempre in crescita.

La conferenza stampa di oggi con gli esperti del Fondo dovrebbe fornire dei dati ufficiali posto che sarà necessario intervenire tempestivamente.

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy