SAN MARINO FORUM 2009, PRIMO INCONTRO CON IL NUOVO GOVERNO

Dopo appena 5 giorni lavorativi il nuovo Governo ha avuto un incontro di alto livello con i promotori e i committenti del San Marino Forum.

Lavori in corso per “Innovare e competere per il futuro”, organizzato da The European House-Ambrosetti, e in programma i prossimi 5 e 6 giugno 2009. Oggi, 11 dicembre all’interno della sede della Fondazione San Marino, i promotori dell’economic forum – Fondazione San Marino-Cassa di Risparmio della Repubblica San Marino-SUMS), Ente Cassa fa’etano e l’Associazione Nazionale degli Industriali – hanno incontrato una nutrita delegazione dell’esecutivo sammarinese per la presentazione delle linee-guida che comporranno la terza tappa del progetto. Per il Governo erano presenti i segretari di Stato agli Esteri Antonella Mularoni, alle Finanze Gabriele Gatti, all’Industria Marco Arzilli, alla Sanità Claudio Podeschi e al Territorio Giancarlo Venturini.

“L’obiettivo dell’incontro odierno – ha spiegato il managing partner di Ambrosetti Valerio De Molli – era quello di incontrano il nuovo Congresso di Stato per presentare i contenuti del Forum e capire se c’è un allineamento con il passato. Abbiamo ricevuto una risposta chiara che conferma l’utilità e la positività del progetto”.
De Molli ha anche confermato che a giugno l’Advisory Boar
sarà lo stesso dello scorso mese di giugno: Nicola Rossi, Franco Bassanini e Lucio Stanca.

Ancora top secret sui contenuti dei cantieri di lavoro che verranno aperti nel 2009. Tra le pillole che il managing partner ha voluto anticipare l’istituzione di un tavolo tecnico, coordinato dal dottor Sergio Mancuso e imperniato sul turismo e il commercio.

La scommessa da vincere, ha spiegato De Molli, “è quella di riuscire a creare una serie di attrattori, attraverso una messa a sistema di molteplici iniziative, in grado di portare sul Titano 2 milioni di turisti all’anno”. Come? “Facendo leva sulle eccellenze del Paese – ha replicato il presidente della Fondazione San Marino Giovanni Galassi – quali l’entrata nel Patrimonio mondiale dell’umanità dell’Unesco e la fresca stella Michelin, assegnata al ristorante ‘La Taverna’ di San Marino Città”.

Le priorità messe in evidenza durante le prime due edizioni del Forum troveranno ulteriore campo di studio e lavoro: i rapporti tra il Monte e l’Italia e la presidenza della Banca Centrale di San Marino. “In un periodo storico segnato da una crisi economica di proporzioni mondiali – ha sottolineato De Molli -, la nomina del presidente di Banca Centrale non può più essere rimandata.
Crediamo che la persona che verrà incaricata dovrà avere un profilo di altissimo livello, un professionista che appartenga al mondo dirigenziale delle Banche Centrali. Una persona di elevato e riconosciuto prestigio in grado di competere con chiunque nel mondo”.

Tra i grappoli di proposte avanzate dal San Marino Forum, troveranno terreno fertile anche nel 2009 la Pubblica amministrazione, i trasporti, il bilinguismo.

sanmarinoweb

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy