San Marino. Gabriele Gatti boccia la relazione Carisp-Delta-Sopaf: ‘Incompleta’. L’informazione

Antonio Fabbri – L’informazione di San Marino: L’ex Segretario alle finanze difende il suo operato: “Mi adoperai per risolvere una vertenza così pericolosa” / Gatti: “A Roma mi avevano detto che i vertici di cassa sarebbero finiti in galera” 

SAN MARINO. (…) All’indomani della lettura della relazione della Commissione di inchiesta che chiama in causa Gatti ritenuto responsabile di una “azione contraria a Cassa e agli interessi della Repubblica, l’ex segretario agli esteri fa sentire la sua voce. “Premetto che non ho nessuna intenzione di rientrare in politica e nemmeno di impegnarmi in maniera indiretta nell’agone politico. Il mio tempo è passato, ma questo non vuole dire non essere costretto a fare alcune osservazioni al lavoro della Commissione d’inchiesta, esclusivamente per amore di verità”. 

Così esordisce Gabriele Gatti. Quindi la relazione sul caso Carisp-Delta-Sopaf.

“In primo luogo la relazione mi sembra incompleta. Non mi sembra che si sia esaminato il punto focale. Il perché dell’investimento in Delta e il perché di una entità di un investimento così ingente senza valutarne adeguatamente i rischi. Ma al di là di questo, mi sto chiedendo come si possa dire che l’aver cercato nella mia veste di Segretario alle Finanze di favorire l’incontro fra Sopaf e Cassa per trovare una soluzione ad una vertenza così pericolosa per al Cassa ha voluto dire non fare gli interessi di Carisp e debordare dal mio ruolo di Segretario di Stato. A Roma mi avevano detto che i vertici di Cassa di Risparmio sarebbero finiti in galera, cosa che purtroppo si è verificata, con tutto quello che ne consegue per la cassa e per San Marino. Ed io avrei dovuto prendere queste affermazioni alla leggera? (…)

Leggi l’intero articolo pubblicato dopo le 23

 

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy