San Marino. I politici della casta: poveracci. Patrizia Cupo di Corriere Romagna San Marino

Patrizia Cupo di Corriere Romagna San Marino:  I ‘privilegiati’ / Politici in lacrime:
ma quale casta
siamo dei poveracci

SAN MARINO. Ma quali rinunce, «non siamo noi la casta». I politici rispondono
(quasi indignati) all’appello del Comitato delle donne disoccupate che
appena ieri avevano chiesto a consiglieri e segretari di Stato la rinuncia allo
stipendio, per “adottare” un disoccupato. «Quale stipendio? Prendiamo appena
500 euro al mese di gettone, ma li perdiamo nella busta paga del lavoro
“normale” – si arrabbia Alessandro Rossi di Sinistra unita -: scimmiottare l’antipolitica italiana non ha senso. Meglio tassarci tutti per la solidarietà». Va al
sodo anche la consigliera del Psd Denise Bronzetti: «Io, col mio stipendio, non
sarei in grado di mantenere una persona in più in famiglia».

In tema di “privilegi”,
effettivamente il confronto
tra San Marino e Italia
non regge. Nel Bel Paese,
i parlamentari vantano
stipendi base di 9mila euro
e rotti, a cui vanno aggiunti
rimborsi spese e
indennità (che fanno raddoppiare
la paga), più i
benefit dal cellulare ai
viaggi gratis. All’ombra
delle Tre torri, invece, i
consiglieri vengono pagati
a “cottimo”, ossia a presenze:
la giornata in Consiglio
(o in una commissione
parlamentare) è pagata
75 euro, a cui se ne
aggiungono altrettanti
per la seduta notturna.
Per gli stacanovisti del
Consiglio, una paga massima
di 600 o 700 euro al
mese: ma per chi lavora
nel privato come dipendente,
la giornata dedicata
alla politica viene decurtata
dalla busta paga.
Non succede così per i
consiglieri dipendenti
statali che però prendono
un gettone ridotto. Stipendi
veri e propri (superiori
ai 4mila euro), li
vantano solo i segretari
di Stato, che però già da
un paio di Finanziarie, si
sono decurtati la paga del
10 per cento
. (…)

 

 

 

 

ASCOLTA IL GIORNALE RADIO DI

OGGI

OGGI I

GIORNALI PARLANO
DI

Webcam
Nido del Falco

Meteo San
Marino di N. Montebelli

Vignette

di Ranfo

Accadde oggi, pillola di
storia

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy