San Marino, il Paese dalle 120 fondazioni poi scese a 82 o, forse, 105

San Marino è il Paese dalle 120 fondazioni si è detto all’indomani dello scandalo Barbaglia, rilanciato in tutta Italia da Report Rai3.

Se per le dodici banche e sessanta tra finanziarie (fiduciarie, società di gestione, compagnie
d’assicurazioni)  facevano 
più controlli gli enologi del consorzio vini che non la vigilanza di
BCSM
‘, figurarsi per le fondazioni. Dette fondazioni servono non solo ai filibustieri esterni, qui al sicuro dopo le
depenalizzazioni
dei reati fiscali e societari
degli anni Novanta, ma  anche -soprattutto?-
ai furboni nostrani, che possono continuare a mostrarsi nullatenenti davanti al
fisco sammarinese
anche  nella prospettiva
della riforma fiscale
in corso di approvazione, tanto che è stata lasciata
cadere la richiesta di un condono
fiscale tombale

In prossimità di un esame Moneyval era stato promesso un intervento  si è scritto nell’articolo  La paura Moneyval a San Marino fa 40 anzi 120, con promesse solenni a livello di Patto per San Marino. In effetti sono rimaste pressoché intonse a mo’ di trust casarecci

Il 15 maggio scorso Il Segretario di Stato all’Industria  Marco
Arzilli
, in una conferenza stampa tenuta a nome del Congresso
di Stato
, presente anche il  Segretario  di Stato agli Interni, Valeria
Ciavatta
, aveva assicurato che il numero delle  Fondazioni attive erano sceso a 82, anche se, sulla carta, ce n’erano ancora 105 cui: 11 sono in liquidazione volontaria, 10 in liquidazione coatta e 2 sono
commissariate.

E’ di ieri la notizia di uno scandalo relativo a una fondazione in cui sarebbe impelagato addirittura un Segretario di Stato.  E detto Segretario di Stato non ha avuto il buon senso di uscire allo scoperto, dire come, a suo parere, stanno veramente le cose, benché pressato dal Presidente del Partito Democratico Cristiano Sammarinese, Teodoro Lonfernini, fulcro della coalizione Patto per San Marino, maggioranza in Consiglio Grande e Generale.

 

 

 

.

 

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy