San Marino. Il segretario Ciavatta alla ricerca di finanziatori negli Emirati Arabi Uniti per il nuovo ospedale

“Prosegue nel solco degli incontri internazionali e nella creazione di nuove possibili partnership per accrescere l’autorevolezza del sistema sanitario sammarinese il percorso di riforme a ampio raggio portate avanti dalla segreteria di Stato per la Sanità e la Sicurezza Sociale”.

Lo dichiara la segreteria di Stato per la Sanità, sottolineando in un comunicato che, “oltre alla relazione del nuovo direttore generale Iss, che ha indicato come prioritarie la riorganizzazione della medicina di base e l’inserimento di figure professionali legate al controllo di gestione, nella scorsa settimana è stato finalizzato l’accordo di collaborazione ad ampio raggio con la Regione Sicilia, che garantirà alla Repubblica di San Marino un’importante partner per le pubblicazioni e la ricerca in ambito scientifico e la condivisione in maniera semplificata di personale sanitario e amministrativo”.

Sempre in tema di internazionalizzazione, “durante la recente visita negli Emirati Arabi Uniti, il segretario di Stato per la Sanità, Roberto Ciavatta, ha incontrato a Dubai il dr. Abdul Salam Al Madani, presidente esecutivo di Index Holding, azienda storica leader nella filiera legata al mondo sanitario, fieristico, finanziario e non solo“.

L’occasione “è stata proficua per presentare il percorso di riorganizzazione del sistema sanitario sammarinese a una figura di indiscussa fama nel mondo orientale, sia per quanto riguarda la formazione, gli eventi e le conferenze legate al mondo sanitario, sia gli investimenti infrastrutturali, tecnologici e logistici del settore”.

Roberto Ciavatta (segretario di Stato per la Sanità e la Sicurezza Sociale) dichiara: “L’invito ricevuto dal dr. Al Madani, in seguito al precedente incontro tenuto in occasione della premiazione di San Marino da parte dell’Assemblea parlamentare del Mediterraneo, è stata un’importante occasione per approfondire le ipotesi di collaborazione in ambito sanitario. Sono stati illustrati diversi progetti di respiro internazionali che vanno dal finanziamento del nuovo ospedale a progetti formativi per l’uso della robotica chirurgica e lo studio della genomica che avranno base nel nostro Paese. Abbiamo riscontrato grande disponibilità ad approfondire questi progetti, nell’ottica di un potenziale memorandum di collaborazione che possa dare respiro e autorevolezza alla nostra sanità, in ottica di sostenibilità della stessa”.

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy