San Marino in white list fara’ il pieno. Renzo Giacobbi, Abs

Il sistema bancario della Repubblica di San Marino, adesso che il Paese è stato inserito nella white list – manca la pubblicazione del decreto Mef sulla Gazzetta Ufficiale -,  farà il pieno con gli italiani che vorranno regolarizzare la loro situazione approfittando della voluntary
disclosure
  (in vigore proprio in questi giorni).

Renzo Giacobbi, Presidente della Associazione Bancaria Sammarinese, su La Tribuna Sammarinese (ieri):  Questa entrata nella white list finanziaria è sicuramente di grandissimo interesse per il nostro sistema bancario e finanziario. La normativa italiana prevede che lo scudo effettuato da paesi in ‘white list’ abbia degli effetti economici meno onerosi di quanto comporta invece il rimpatrio dei capitali da paesi di ‘black list’. Questo può sicuramente indirizzare quanti detengono capitali in paesi ‘black list’ a dirottare i loro capitali sul sistema bancario sammarinese, il cui scudo come è stato detto comporta costi decisamente inferiori. Potrebbe essere questa l’occasione per fare in modo che questi soggetti possano fare lo scudo giuridico da San Marino lasciando i loro capitali in Repubblica. Le banche sammarinesi non da oggi hanno dimostrato di essere degli ottimi e affidabili gestori. In quanto sistema bancario sammarinese ci muoveremo nel mondo economico italiano per far conoscere questa grande opportunità che si presenta loro di ‘scudare’ attraverso San Marino.

Leggi l‘intero intervento, Renzo Giacobbi, Abs

Renzo Giacobbi presidente Abs e presidente Bism

Con la ‘triangolazione Giacobbi’ torneremo ai 14 miliardi di raccolta del 2007? Il sistema finanziario  era arrivato a contare – l’ultimo nel 2009 – 72 ‘soggetti autorizzati’: dodici banche e sessanta tra finanziarie, fiduciarie, società di gestione, compagnie
d’assicurazioni.

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy