San Marino. Incontro elementari di Cà Caccio, Gruppo “Per La Sorgente”: “Non siamo stati invitati”

“Prendiamo atto che in serata avrà luogo un incontro pubblico per discutere dell’insediamento dell’Istituto Musicale Sammarinese all’interno del complesso La Sorgente e del conseguente accorpamento delle classi prime elementari nel plesso di Murata.

Il Gruppo “Per La Sorgente” – si legge in un comunicato -, contrario alla chiusura delle Scuole Elementari di San Marino Città, ha appreso la notizia dai mezzi di informazione che hanno promosso l’iniziativa ma dobbiamo prendere atto e sottolineare con forza il fatto che il Gruppo “Per La Sorgente” non è stato invitato alla serata, così come nessun esponente della scuola o, più in generale, nessuno in rappresentanza della voce contraria, cosa che sarebbe stata ben più costruttiva ai fini del confronto e che denota un deficit di democrazia difficilmente spiegabile su di un tema di fronte al quale tutti dovrebbero potere esprimersi per trovare, alla fine, la strada maggiormente condivisa dalla collettività sammarinese in generale e di San Marino Città in particolare.

L’iniziativa pone in evidenza le difficoltà in cui si è venuto a trovare l’Esecutivo di fronte alla reazione di insegnanti, genitori e semplici cittadini di San Marino Città che si oppongono strenuamente ad una decisione verticistica, la quale non tiene in nessun conto in primo luogo dei bambini e neppure della coesione identitaria dei nuovi cittadini sammarinesi nati e cresciuti nella Città di San Marino.

Le motivazioni avanzate per giustificare l’eliminazione della Scuola Elementare da Cà Caccio, essendo deboli o inesistenti, stanno crollando una dopo l’altra, come ad esempio, quella relativa al numero di iscrizioni alla prima elementare di Città e Murata, che, nonostante le iscrizioni siano state precedute dall’annuncio che la Scuola Elementare di Città sarebbe stata chiusa, nel tentativo di scoraggiare i genitori, sono risultate ben maggiori rispetto alle previsioni, sbugiardando quella che era la tesi ufficiale, almeno fino a poche settimane addietro, legata alla denatalizzazione, come se questo fenomeno fosse solo della Città di San Marino e non invece di tutta la Repubblica e addirittura della Repubblica Italiana e dei Paesi dell’ Unione Europea, ragion per cui sarebbero necessarie ben altre consapevolezze e ben altri interventi.

Tanto era dovuto ed invitiamo i sammarinesi a seguirci nel nostro percorso e ad appoggiare le nostre iniziative che saranno tempestivamente comunicate attraverso i mezzi di informazione”.

——

Caro lettore, Libertas mai come ora svolge un servizio pubblico importante per tutta la comunità. Se apprezzi il nostro lavoro, da 20 anni per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per aiutarci in questo momento straordinario. 
 
Anche un caffè alla settimana per noi può fare la differenza.
 
Puoi usare Paypal cliccando qui:
 
 
oppure facendo un bonifico con causale DONAZIONE all’IBAN intestato a Libertas:
 
SM78R0606709802000020148782
 
 
 
Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy