San Marino. Jhonson, serata Osla: ‘La vostra crisi non è colpa dell’Italia’

Daniela Malpeli, San Marino Oggi: San Marino e la sua identità / Sala gremita per Robert Jhonson il motivatore di Bill Clinton 

Il bello della crisi:
a spiegarlo ci prova Robert
Jhonson
, consulente di nomi
conosciutissimi come Bill
Clinton e Angelina Jolie. Ci ha
provato mercoledì sera, nel
corso di un incontro organizzato
da Osla, che ha visto
una sala Titano del centro
congressi Kursaal gremita
di gente, tanto che i posti a
sedere non erano sufficienti.

Jhonson parte da una definizione:
si può parlare di crisi
quando c’è un cambiamento
repentino da uno stato
all’altro. E da un presupposto:
la crisi è un’opportunità, sia
che si ragioni da singolo
individuo, da azienda o da
nazione. E qual è il modo di
superarla? Avere una visione
chiara di quello che si vuole
diventare e comunicarlo. Già,
perché – specifica il motivatore
senza mezzi termini -, se si
fa qualcosa ma non lo si dice
a nessuno, si è dei falliti.

E si
fallisce, altrettanto, se si dice
di fare qualcosa che poi in
realtà non si fa.
Ma prima di tutto, insiste più
e più volte Jhonson, è necessario
avere un’idea chiara di
quello che si vuole essere.
Ossia stabilire, decidere, definire
la propria identità. E anche
in questo caso il discorso
vale per il singolo individuo
come per la nazione. Ed è
proprio questo il problema attualmente
per il Titano, spiega
Jhonson: “San Marino non è
in crisi per quello che succede,
per le situazioni contingenti,
ma è in crisi perché non
ha una visione condivisa della
propria identità”. Inutile quindi
dare la colpa a qualcosa o
a qualcuno, che sia l’Italia
nel caso del Titano
, che sia
il datore di lavoro nel caso dell’impiegato licenziato.

OGGI I GIORNALI PARLANO
DI

Webcam
Nido del Falco

Meteo San
Marino di N. Montebelli

Vignette di Ranfo

 

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy