San Marino. La farsa dell’abolizione delle fondazioni

Quella che, a San Marino,  il mondo politico sta recitando attorno alle fondazioni ha le caratteristiche di una farsa.

Marco Arzilli (Noi Sammarinesi) prima ed Alleanza Popolare poi  ed ancora  Marco Arzilli (Ns)  si contendono il merito di aver portato trasparenza in un settore che  il Moneyval ha  indicato come pericoloso, anche nel contesto internazionale,   già nel marzo 2007, cioè ancor prima  della consegna a Fiorenzo Stolfi dell’avvio della procedura di infrazione

Di fatto?

Di fatto  pare che dette fondazioni, adoperate a San Marino,  come trust casarecci per nascondere patrimoni immobiliari familiari ed altri investimenti senza pagare le tasse,  siano state  semplicemente ridotte – non si sa  bene di quanto – da 120 che erano.

Ma,  nonostante le parole di cui sopra, non  è stato varato – per colpa di Augusto Casali, secondo Ap? – uno specifico e risolutivo provvedimento legislativo per eliminarne  la pericolosità  per il contesto internazionale e il danno, all’interno,  sull’equità fiscale.   

Farisaicamente  si continua a dichiarare che la riforma fiscale ha l’obiettivo di far emergere tutti i redditi comunque e dovunque prodotti, e poi, al contempo, di fatto,  con la stessa legge,  si permette a un gruppo di privilegiati di tenerli celati determinati  redditi dietro il paravento delle fondazioni (e delle fiduciarie).

Leggi: Riforma fiscale. Effettivo beneficiario? Verboten, L’Informazione di San Marino

 

 

 

 

 

 

 

 

 

ASCOLTA IL GIORNALE RADIO DI

OGGI

OGGI I

GIORNALI PARLANO
DI

Webcam
Nido del Falco

Meteo San
Marino di N. Montebelli

Vignette

di Ranfo

Accadde oggi, pillola di
storia

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy