San Marino. La sovranita’ in cambio di un piatto di lenticchie nemmeno arrivato

Il 26 novembre 2009, firmando con l’Italia l’accordo di  collaborazione
finanziaria
, il Governo  della Repubblica di San Marino ha inflitto  una ferita gravissima alla sovranità del Paese.

Poca avvedutezza da parte sammarinese, nel mettere a punto il testo dell’accordo parafato fin dal 25 giugno dello stesso anno

Come è potuta succedere?

Auri sacra fames. 

Maggiorenti sammarinesi  andavano dicendo  da mesi  con la abituale saccente superficialità che con tale accordo per i soggetti finanziari della Repubblica di San Marino si sarebbero spalancate le porte della piena operatività in Italia e perfino in Europa.

Di tale miraggio si parlò –  con palpabile frenesia –   perfino il  giorno stesso della firma: al più quindici giorni e le imprese finanziarie sammarinesi avrebbero avuto il segnale della carica. 

Non è andata cosi. Insomma il piatto di lenticchie non è arrivato. Rimane, invece, per sempre, la ferita alla sovranità, dato che il Consiglio si accinge – senza alcun ripensamento –  a ratificare anche detto accordo quasi fosse alla pari degli altri

Vedi articoli di:
Marino Cecchetti, pubblicato anche su L’Informazione di San Marino
(San Marino beffato da Giulio Tremonti. L’atto firmato dal segretario agli
esteri ricorda quello della resa della Repubblica di San Marino di fronte al
cardinale Giulio Alberoni
).
Pier Roberto De Biagi, pubblicato anche su San Marino Oggi (La ‘beffa’
di Tremonti e l’imbroglio degli Accordi con l’Italia
) e su L’Informazione di
San Marino (Svenduta nostra sovranità).

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy