San Marino. Lavoro e artigianato: continua la difesa del contratto

SAN MARINO. Trasparenza, chiarezza e meno furbizie nel contratto di lavoro. I segretari della Federazione Industria CSU, Enzo Merlini e Giorgio Felici, tornano sul tema contratti e sulla comparazione tra diversi accordi contrattuali nel settore dell’artigianato, affermando che difenderanno un principio fondamentale: “Chi lavora in un’azienda di 10 dipendenti ha gli stessi diritti di chi lavora in un’azienda di cento”.

Una comparazione circolata nei giorni scorsi e definita  improbabile e parziale: “Nel merito siamo prontissimi al confronto – affermano Merlini e Felici – anche perché il contratto firmato da Osla e Usc contiene parecchie fregature, come quella dell’azzeramento degli aumenti in caso di crisi aziendale; o piccole furbizie, come quelle di spacciare per novità il premio di risultato e le ore di formazione: ma le aziende in salute il premio decidono già se darlo e a chi darlo, mentre la formazione sono già obbligate a pagarla”. 

 “Ma l’argomento è fin troppo serio – insistono – per scadere nel giochino qual è il contratto più bello del reame. Il punto vero, è che siamo di fronte al tentativo di smantellare il valore erga omnes della contrattazione, di smantellare  il valore basilare della solidarietà nel mondo del lavoro”.  Il rischio è quello di aprire la strada “alla frammentazione contrattuale  (…).

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy