San Marino. «Lavoro rosa, discriminate le sammarinesi»

«Lavoro rosa, discriminate le sammarinesi»

La centrale sindacale unitaria nel giorno della festa della donna denuncia la situazione

«Più sostegno alla maternità e maggiori diritti per chi si prende cura dei famigliari». Nella giornata della festa della donna la Centrale sindacale unitaria celebra la ricorrenza e snocciola i numeri in termini di lavoro femminile. «Nonostante l’emergenza corona virus – dice il sindacato – che ha investito in maniera così pesante anche il nostro paese, riteniamo doveroso ricordare una ricorrenza così importante. Una ricorrenza fondamentale per riportare al centro dell’attenzione i diritti delle donne e anche per fare il punto sul nostro sistema di protezione sociale. I dati parlano da soli: l’incremento occupazionale delle donne nei settori privati negli ultimi tre anni è stato di complessivamente 427 unità; solo 114 sono sammarinesi o residenti, mentre 313 sono lavoratrici forensi. Quindi, le donne sammarinesi sono solo un terzo delle nuove occupate».  (…)

Tratto da Il Resto del Carlino

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy