San Marino. Le armi pericolose sequestrate in porto? Erano riproduzioni per i giochi di guerra

Le armi pericolose sequestrate in porto? Erano riproduzioni per i giochi di guerra

Scagionato l’importatore sammarinese: restituiti i centodue fucili provvisti di “baionetta”

È stato definitivamente scagionato dall’accusa di avere introdotto armi nel territorio dello Stato l’imprenditore sammarinese che si occupa di importare e commercializzare in Italia sul Titano perfette repliche di fucili e pistole e articoli di stampo militare per le battaglie simulate. Presero però fin troppo sul serio il carico proveniente da Taiwan i militari della guardia di finanza di Ravenna che, su segnalazione dei funzionari dell’ufficio dell’Agenzia delle dogane e monopoli della città romagnola, bloccarono al posto poi sequestrarono. (…)

Tratto dal Corriere Romagna

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy