San Marino. Le Università dei Piccoli Stati e Territori sul Titano per il meeting annuale

“Formazione, ricerca, metodi di valutazione della didattica e rapporti con le organizzazioni internazionali sono stati i principali temi discussi sul Titano durante il terzo incontro del Network delle Università dei Piccoli Stati e Territori, del quale l’Università degli Studi della Repubblica di San Marino è una delle istituzioni accademiche fondatrici.

Alla presenza di Rettori e staff degli Atenei di Andorra, Isole Faroe, Malta, Montenegro e Nicosia (Cipro), ai quai si sono aggiunti in collegamento web rappresentanti delle Università di Akureyri (Islanda), Gibilterra, Liechtenstein e Groenlandia, mercoledì 20 ottobre i partecipanti sono stati accolti da un intervento del Rettore Corrado Petrocelli, che ha suggerito alcuni ambiti prioritari sui quali unire gli sforzi: “Incoraggio il Network a riflettere sulla possibilità di unirsi per l’individuazione di un’agenzia esterna rispetto alla valutazione della qualità della didattica, che tenga in considerazione e sia consapevole delle specificità delle realtà accademiche collocate e attive in piccoli territori”, ha spiegato durante il meeting annuale.

Dopo aver citato l’opportunità di lavorare insieme su nuovi progetti, nonché di incentivare la mobilità di docenti e studenti, Petrocelli ha inoltre invitato i partecipanti a considerare la possibilità di relazionarsi come un unico soggetto, e non come singoli Atenei, nei rapporti con organizzazioni di ampia portata come l’International Association of Universities, l’European University Association e lo Spazio Europeo della Formazione Superiore, attivo per assicurare la comparabilità, compatibilità e coerenza tra i sistemi degli Stati membri, fra cui il Titano.

I lavori nel Network sono stati seguiti dall’emittente radiofonica dell’Ateneo, Usmaradio. Per l’Università di San Marino hanno partecipato agli incontri il direttore generale, Isabella Bizzocchi, il direttore del Centro di Ricerca per le Relazioni Internazionali, Michele Chiaruzzi, e la responsabile dell’Ufficio Internazionalizzazione, Elena D’Amelio”.

——

Caro lettore, Libertas mai come ora svolge un servizio pubblico importante per tutta la comunità. Se apprezzi il nostro lavoro, da 20 anni per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per aiutarci in questo momento straordinario. 
 
Anche un caffè alla settimana per noi può fare la differenza.
 
Puoi usare Paypal cliccando qui:
 
 
oppure facendo un bonifico con causale DONAZIONE all’IBAN intestato a Libertas:
 
SM78R0606709802000020148782
 
 
 
Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy