San Marino. Legge edilizia sovvenzionata, Civico10: ‘Colpo basso al sistema sociale’

L’approvazione in Consiglio della legge sull’edilizia sovvenzionata è ‘l’ennesimo colpo basso dato dalla maggioranza al nostro sistema di stato sociale’ -sostiene Civico10 in una nota-. ‘La maggioranza ha
deciso che le persone più deboli
devono stare in affitto, non avere la casa di proprietà’.

Con la legge approvata venerdì dalla maggioranza chi richiede un mutuo per l’acquisto di una casa deve prima chiederlo e ottenerlo da una banca, e solo dopo potrà godere di un contributo in conto interessi da parte dello Stato. Sarà la banca ad assumersi il rischio e ad iscrivere l’ipoteca, sparirà la garanzia dello Stato.

Questo cosa comporta? Che sarà la banca a decidere se e a chi concedere il mutuo prima casa, visto che sarà lei ad assumersi il rischio di un suo non pagamento. Il rapporto diventa quindi assolutamente bilaterale, banca-richiedente, ed è facile immaginare che le persone che non possono offrire adeguate garanzie patrimoniali e reddittuali rischiano di ritrovarsi senza mutuo prima casa. (…)

Leggi il comunicato Civico10

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy