San Marino. Legge editoria, Pietro Masiello (Usgi): ‘La legge pasticciata che ostacola la libertà di stampa’

Intervento di Pietro Masiello, membro del Direttivo USGI, sul Progetto di Legge su Editoria e Giornalismo in previsione dell’esame in seconda lettura in Consiglio Grande.

Se la legge sulla editoria verrà approvata così come uscita dalla prima lettura in Consiglio Grande e Generale, dietro la facciata dei virtuosi propositi di dotarsi di una legge che regolamenti l’ampia materia della editoria, di fatto si sta per rendere operativa una legge pasticciata, incompleta che attraverso mille procedure, di fatto ostacola la libertà di stampa.

L’articolato legislativo nella sua approvazione provvisoria prevede all’art.6 una Autorità Garante per L’Informazione di parziale nomina politica. In netta controtendenza a quanto accade in Europa dove anche in virtù di un continuo processo di integrazione europea, si istituiscono autorità amministrative indipendenti, (le cd. Authorities) con compiti di regolazione e controllo, la cui nomina avviene esclusivamente al di fuori della sfera politica, allo scopo di garantire una maggiore imparzialità (cd. neutralità) rispetto agli interessi oggetti di controllo. Perché nella Repubblica non si segue l’esempio europeo, discostandosi da una consolidata prassi normativa che numerose volte ha tutelato gli interessi della collettività, e facendo sì che il controllo dell’informazione avvenga nella massima imparzialità e alla luce del sole?

Leggi il comunicato stampa Usgi

Legge di impianto komunista anzi fascista

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy