San Marino, lettera di Monti. Opposizione cauta

Psrs ed Upr ritengono prioritaria la firma con l’Italia ma frenano gli animi sulla missiva inviata dal premier Monti ai Capitani Reggenti. Lo riferisce l’Agenzia Dire – Torre1

Durante il suo  intervento davanti al Consiglio grande e generale, il
consigliere Alessandro Mancini, del gruppo Socialista riformista
sammarinese, preferisce “usare cautela nel valutare la lettera”. Il
passaggio centrale e’ quello legato dalle condizioni dettate dall’Italia
per la firma della convenzione, legata alla ratifica del protocollo
di modifica del doppio controllo fiscale, per cui “prima dovra’ essere
dimostrato quello che abbiamo detto- spiega Mancini-, dobbiamo
dimostrare con i fatti il nostro cambiamento.
Il nostro esame non e’ per niente finito. Tutto fa pensare che saremo sotto osservazione per tanto tempo ancora”.
La
firma del protocollo e’ fondamentale anche per Unione per la Repubblica
(Upr), il cui consigliere Pier Marino Menicucci ha sottolineato come
San Marino  “non possa vivere senza il rapporto con l’Italia, per motivi
naturali, storici, morfologici. Mi auguro che l’accordo venga firmato e
poi ratificato”.

Leggi Agenzia Dire-Torre1

 

Ascolta il giornale radio di oggi

Oggi i Giornali parlano di…

Webcam Nido del Falco

Meteo San Marino di N. Montebelli

Vignette di Ranfo

Accadde oggi, pillola di storia

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy