San Marino. Libera suona la carica: “È il momento di costruire”

“È arrivato il momento di costruire”.

Lo dice Libera, annunciando in una nota che “continuerà a lanciare alcune idee settore per settore al fine di sollecitare il governo non solo a ricercare liquidità per il Paese ma anche a definire un piano di rilancio ben definito, condiviso con la cittadinanza e non più rinviabile“. 

L’emergenza coronavirus, sottolinea la lista di opposizione, “ha colpito quasi tutti i settori provocando la peggior crisi economica dalla fine della Seconda Guerra Mondiale” e, nel caso del turismo, “con tutto l’indotto che muove, la crisi rappresenta non solo un danno economico nell’immediato, ma causerà una vera e propria corsa contro il tempo per cercare di capire come e quando il settore potrà risollevarsi”.

Sul Titano, prosegue Libera, sono presenti “200 attività fra ristoranti e alberghi, 1.500 posti letto e tanti operatori del settore del commercio che chiedono aiuto e vogliono essere coinvolti per lavorare sulla prospettiva”.

Sempre la lista di opposizione rimarca di aver fatto “diverse proposte per il comparto chiedendo subito l’esenzione della tassa di licenza della minimum tax per tutto il 2020, il congelamento delle bollette e monofase, e Cassa integrazione guadagni, per chi la richiede, pagata dallo Stato sulla Smac“.

E ancora: “Purtroppo troppo poco è stato fatto, per esempio anche sulla minimum tax continuano a esserci troppe incertezze interpretative e applicative sempre a discapito delle attività turistiche-commerciali. Nessuna risposta è arrivata, nè in termini di aiuti, nè in termini progettuali, nonostante l’intraprendenza e lo spirito di iniziativa dei nostri commercianti, albergatori, baristi, ristoratori e più in generale delle attività economiche”.

Per la visione futura, ammette Libera, “è chiaro che la ridotta capacità di spesa e di monte ore ferie, il timore psicologico, la momentanea sospensione del turismo di massa cambieranno radicalmente le dinamiche di questo settore” poichè “siamo in un mondo nuovoprogrammazione“.

Il turismo, sostiene Libera, “guarderà più alla qualità, l’attenzione sarà data al territorio, all’enogastronomia, al benessere e alle piccole realtà di ospitalitàSan Marino dovrà cogliere l’occasione modificando, in accordo con gli operatori del settore, tempo e spazio nel modo di fare impresa e di fare promozione”.

“Servirà più tempo e più flessibilità per le varie attività per proporre i propri prodotti e muteranno gli spazi per evitare affollamenti” e, in questo senso, Libera avanza infine tre proposte concrete: “Abbattiamo immediatamente la tassa sull’occupazione di suolo pubblico per tutto il 2020 per consentire alle nostre attività di accogliere un numero maggiore di clienti e di poterli servire garantendo il distanziamento sociale e limitare i rischi del contagio; credito d’imposta agli operatori economici per le spese di sanificazione e acquisti in prodotti utili per adempiere alle norme igienico-sanitarie; coinvolgimento diretto degli operatori del settore strutturale per la ripartenza turistica con un gruppo di lavoro dedicato”.

——

Caro lettore, Libertas mai come ora svolge un servizio pubblico importante per tutta la comunità. Se apprezzi il nostro lavoro, da 20 anni per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per aiutarci in questo momento straordinario. 
 
Anche un caffè alla settimana per noi può fare la differenza.
 
Puoi usare Paypal cliccando qui:
 
 
oppure facendo un bonifico con causale DONAZIONE all’IBAN intestato a Libertas:
 
SM78R0606709802000020148782 
Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy