San Marino. Lonfernini: “Pronti a posticipare tributi e scadenze per tutti i COE”

Accanto all’aspetto sanitario, tiene banco anche a San Marino il dibattito sulle gravi ripercussioni economiche che il coronavirus sta causando al tessuto economico.

Nei giorni scorsi l’Ufficio Tributario ha spedito a tutte le imprese una circolare in cui indica gli Iban su cui versare imposte dirette e indirette e tasse dell’Ufficio Tributario, comprese le sanzioni, che scadono nel periodo di emergenza sanitaria. Questo in ottemperanza alle indicazioni contenute nell’ultimo decreto sull’emergenza Covid-19. Una doccia fredda per chi si aspettava sospensioni o dilazioni dei tributi dopo un mese di blocco dell’economia.

Leggi la circolare del Tributario.

Nel documento la dirigente Ida Valli spiega che “a breve verranno diramate ulteriori indicazioni e disposizioni relativamente alla sospensione e proroghe dei diversi termini ed adempimenti fiscali. Si comunica che la Segreteria di Stato per Finanze e Bilancio e il Dipartimento Finanze sono a disposizione per eventuali necessità e chiarimenti”.

 

A tranquillizzare gli operatori economici è il Segretario di Stato al Lavoro Teodoro Lonfernini che a Libertas dichiara: “Quelle di cui parla il Tributario sono le scadenze previste per il mese di marzo. Per quelle successive invece il Congresso di Stato sta approntando una delibera apposita. Siamo pronti a spostare le scandenze di tributi, importi e scadenze per tutti i COE”. Quindi anche le ditte individuali e i liberi professionisti che sembravano dover restare fuori dalle agevolazioni. “Abbiamo inserito tutti perché non possiamo ragionare di cittadini di serie A e serie B di fronte a una crisi del genere”.

Le iniziative in campo economico sono “la fase 2 dell’emergenza Coronavirus” spiega Lonfernini. “La fase 1 è stata la tutela dell’attività sanitaria e la riduzione della mobilità delle persone. Abbiamo normato anche la CiG straordinaria e il lavoro a distanza che non era normato. Dopo la fase 2 arriverà la fase 3 in cui andremo a valutare categoria per categoria il sostegno necessario per il rilancio”.

Tutto ciò nella speranza che il contagio rallenti quanto prima.

 

digià

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy