San Marino. Morganti (Psd): Crediti deteriorati a 1,9 miliardi. ‘una catastrofe’. L’informazione

L’informazione di San Marino: Crediti deteriorati a 1,9
miliardi. Di fatto Siamo di fronte ad una catastrofe” 
/ Il segretario Morganti
lancia l’allarme in
Consiglio sul sistema
bancario. Opposizioni
dure: “Questo governo
è un morto che
cammina”
/ Podeschi (Upr):
“Raccolta
bancaria complessiva
sotto i 7 miliardi”. Michelotti (Su):
“Su Banca centrale
l’esecutivo si metta
d’accordo oppure
se ne vada a casa” / Zeppa (Rete):
“In Bcsm
proposte collaborazioni
da 150mila euro
nonostante
un referendum sul tetto
stipendi a 100mila”
Capicchioni: “Compensi
deliberati prima”

Una grave denuncia che non lascia spazio a doppie interpretazioni
e che tiene in allarme tutti:
classe politica, vertici bancari e,
soprattutto, cittadini risparmiatori.
Una vera e propria “bomba
comunicazionale” che apre scenari
imprevedibili per il Paese,
soprattutto per il luogo dove viene
lanciata, il Consiglio Grande
e Generale, lo spazio più pubblico
e ufficiale della Repubblica,
e la persona che se ne assume la
paternità, un importante esponente
di governo, il segretario
di Stato per la Cultura, Giuseppe
Maria Morganti: “Abbiamo
un sistema finanziario fuori
fase, con un 1 miliardo e 900 milioni
di euro di crediti deteriorati
(e cioè difficilmente riscuotibili
dalle banche sammarinesi, ndr).
Di fatto siamo di fronte ad una
catastrofe”.
  (…)

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy