San Marino. Mortale a Faetano. Ieri la sentenza di primo grado

L’Informazione di San Marino 

Mortale a Faetano, condannata a 10 mesi conducente della 500 

Nel tragico scontro perse la vita Marino Casadei. Lasciò moglie e due figli

Sentenza di primo grado, ieri, per il tragico incidente del 26 maggio 2017, verificatosi su Strada del Marano, a Faetano. Scontro nel quale perse la vita Marino Casadei, 53enne sammarinese residente a Rimini. Quel giorno Casadei si stava recando al lavoro, presso la Sit, a bordo del suo scooter. Mentre percorreva la strada con direzione Ca’ Chiavello, si scontrò con una fiat 500 che , arrivando dalla corsia opposta, stava svoltando a sinistra per immettersi nel piazzale del Lcs. Uno scontro che fu fatale per il motociclista, che morì sul colpo .

Ieri a giudizio la giovane conducente della cinquecento, Federica Valentini che, secondo le ricostruzioni dell’accaduto, effettuò la manovra di svolta senza dare la precedenza alla moto che sopraggiungeva. L’impatto contro la fiancata fu violentissimo.

Il giudice Roberto Battaglino, accogliendo la richiesta del procuratore del fisco Roberto Cesarini, ha condannato la ragazza a 10 mesi di prigionia, dichiarando assorbita la sanzione per la mancata precedenza nel reato principale contestato e concedendo la sospensione condizionale della pena. Le parti civili, l’avvocato Rossano Fabbri per la moglie e i due figli, e l’avvocato Alessandro Scarano per la madre, la sorella e il fratello della vittima, hanno chiesto il risarcimento e la fissazione di una provvisionale, di 150 mila euro ciascuno per moglie e figli e di 100mila euro per la madre e 70mila euro per i fratelli della vittima, L’avvocato Fabbri ha dato atto anche che è già stata liquidato un primo risarcimento a favore di moglie e figli pari a 110mila euro ciascuno. Il giudice Battaglino ha condannato al risarcimento del danno da liquidare in sede civile, stabilendo una provvisionale di 20mila euro ciascuno per moglie e figli e di 15mila euro per la madre e 10mila euro ciascuno per fratello e sorella.

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy