San Marino nella relazione decreto pre – scudo fiscale

Nella relazione al decreto (decreto anticrisi) contro i paradisi fiscali
del governo italiano emesso venerdì della scorsa settimana in preparazione, fra l’altro, dello scudo fiscale, si cita esplicitamente anche la Repubblica di San Marino.

L’ammontare delle attivita’ finanziarie detenute nei paradisi fiscali, riporta la relazione, e’ stimabile in 8,3 miliardi (sono considerati Lussemburgo, Guernsey, Isola di Man, Jersey, Andorra, Liechtenstein, Principato di Monaco, San Marino). Considerando che l’azione di contrasto possa produrre effetti per il 20% del totale delle attivita’ finanziarie, si giunge ad una stima prudenziale di 1,65 miliardi di euro di attivita’ detenute all’estero e riportate in Italia.‘ (Agenzia Asca)
Il sistema finanziario sammarinese (dodici banche
e sessanta tra finanziarie, fiduciarie, società di gestione, compagnie d’assicurazioni) avrebbe dallo scudo fiscale italiano un danno, per quanto riguarda la raccolta, di 2,2 miliardi secondo
Lionello Mancini e di 4,6 miliardi secondo

Studio Ambrosetti.

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy