San Marino. Nelle cassette Fin Project documenti di Tribunale e Banca Centrale

Antonella Zaghini di La Voce di Romgna San Marino scrive a proposito della indagine conto Mazzini condotta dai magistrati Alberto Buriani, Simon Luca Morsiani e Antonella Volpinari, che, fra l’altro, ha portato agli arresti di  Claudio Podeschi e di Fiorenzo Stolfi, attualmente ancora in carcere.
Indagine  con grande risonanza anche all’esterno.
La Zaghini, nell’articolo,   sul finire, dà notizia di  documenti trovati in Fin Project che lì non avrebbero dovuto esserci:  nella perquisizione della Fin Project, nelle stanze segrete della Finanziaria, considerate dagli inquirenti il “polmone finanziario della organizzazione”, emersero documenti che avrebbero dovuto restare riservati come atti di Banca Centrale e atti processuali.

In effetti dalla  ‘ordinanza Stolfi’ si apprende che, nell’occasione,  si è trovato anche la trascrizione di un’attività di dossieraggio che ha coinvolto, per lo più, esponenti politici e imprenditori. L’attività di raccolta delle informazioni è consistita, prevalentemente, nell’assemblare voci correnti, pettegolezzi e opinioni personali. Spesso si è in presenza della semplice trascrizione di conversazioni tra presenti da cui trapela la rete delle frequentazioni, i timori per le sempre possibili defezioni di alcuni ex amici, i tentativi di allargamento del consenso e soprattutto la piena consapevolezza circa le enormi disponibilità finanziarie di uomini politici e dei loro accoliti.

 Finora da Banca Centrale solo una comunicazione molto tecnica pubblicata sul sito.

Leggi anche l’articolo sull’arresto di Stolfi di Francesca Biliotti, Smtv San Marino, pubblicato il giorno 14 dopo le 17

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy