San Marino non può ignorare le rogatorie sprint Italia-Svizzera

Il governo della Repubblica di San Marino, che si accinge a legiferare in materia di
rogatorie, non può non tenere presente la normativa in essere in ambito internazionale, in particolare gli accordi già sottoscritti dall’Italia.

Ad esempio Roma, con un disegno di legge, nei prossimi giorni ratificherà l’accordo siglato in Lussemburgo il 26 ottobre 2004 fra gli Stati della Unione Europea e la Svizzera.

Questa la sintesi che ne fa in un articolo Marco Gaspari di IlSole24Ore: ‘Rogatorie sprint per le perquisizioni e i sequestri connessi al riciclaggio di denaro sporco e corsie preferenziali per il reperimento di informazioni bancarie relative ai conti correnti sospetti depositati in Svizzera‘.

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy